Siete qui: Oggi sulla stampa
Oggi sulla stampa

Bank of England: il Pil crollerà dell’8% in caso di uscita dalla Ue senza intesa

Tutte le Brexit possibili sono negative per l’economia britannica, ma un’uscita dall’Unione Europea senza accordo sarebbe disastrosa sia sul breve che sul lungo termine: questa l’opinione comune del Governo e della Banca d’Inghilterra. Il governatore della BoE Mark Carney ha dichiarato ieri che una Brexit caotica causerebbe la peggiore recessione dal dopoguerra e farebbe piú danni della crisi finanziaria di dieci anni fa. Entro un anno dall’uscita dalla Ue il Pil subirebbe una contrazione dell’8%, la sterlina perderebbe il 25% del suo valore e i prezzi immobiliari crollerebbero del 30 per cento.
Secondo le stime ufficiali presentate ieri dal Governo, l’opzione “no deal” potrebbe portare a un calo del Pil del 9,3% entro i prossimi 15 anni e una contrazione dell’economia di 200 miliardi di sterline all’anno. «Da un punto di vista puramente economico lasciare la Ue avrà un costo perché ci saranno impedimenti al commercio -, ha ammesso ieri il cancelliere dello Scacchiere Philip Hammond -. Rimanere nella Ue non è politicamente fattibile, ma l’accordo raggiunto ci porta molto vicini ai benefici economici di restare».
Il messaggio è chiaro: dato che gli elettori hanno votato a favore di Brexit, l’accordo negoziato dalla premier Theresa May è l’opzione meno dannosa per l’economia. L’obiettivo è convincere l’opinione pubblica a sostenere l’intesa nella speranza che questo possa persuadere un numero sufficiente di deputati a votare a favore l’11 dicembre in Parlamento.
Il rapporto del Governo prende in considerazione diversi scenari. La migliore delle ipotesi è una contrazione del Pil del 2,1% entro 15 anni con le frontiere aperte ai lavoratori Ue, che diventerebbe del 3,9% in caso di chiusura. Nella peggiore delle ipotesi, “no deal” porterebbe a un’uscita caotica dalla Ue e allo stop agli arrivi di lavoratori dalla Ue. Senza conseguenze sull’immigrazione, l’impatto sarebbe meno devastante ma porterebbe comunque a una riduzione dell’economia del 7,7 per cento. Le stime del Governo e della BoE sono in linea con le previsioni presentate nei giorni scorsi dagli economisti del Niesr e di The UK in a Changing Europe. I sostenitori di Brexit hanno accusato il Governo di voler «seminare il panico» con «propaganda» mirata a far approvare l’accordo proposto dalla May.
L’ex ministro responsabile di Brexit David Davis ha ricordato che Tesoro e BoE avevano giá sbagliato quando avevano previsto una recessione dopo il referendum del 2016, mentre l’economia aveva continuato a crescere. La Confindustria britannica si è invece schierata con il Governo. «Queste previsioni mettono definitivamente a tacere l’idea bizzarra che una hard Brexit non farebbe gravi danni all’economia», ha detto Rain Newton-Smith, chief economist della Cbi. «Sono pessimista sulle prospettive dell’economia britannica, ma la May è riuscita a negoziare il meno peggio degli accordi possibili, anche se l’incertezza continua», ha detto ieri John Stopford, head of multi-asset income di Investec Asset Management.

Nicol Degli Innocenti

Print Friendly

Condividi su

Potrebbe interessarti anche
Oggi sulla stampa

Non ha tempi, non ha luoghi, non ha obbligo di reperibilità: è lo smart working di ultima generazi...

Oggi sulla stampa

Oggi sulla stampa

«Sono entusiasta di essere stato nominato ad di Unicredit, un’istituzione veramente paneuropea e ...

Oggi sulla stampa

Oggi sulla stampa

Il primo annuncio è arrivato all’ora di pranzo, quando John Elkann ha rivelato che la Ferrari pre...

Oggi sulla stampa