Siete qui: Oggi sulla stampa
Oggi sulla stampa

Ecco il bando per Alitalia. Si potrà comprare a pezzi

Alitalia per intero o Alitalia per pezzi. L’amministrazione straordinaria avviata a dicembre — con la nomina del Commissario Giuseppe Leogrande — avvia lo spezzatino della compagnia aerea, che in questi giorni ha cancellato più di cento voli da e per l’Italia in funzione di una domanda di mercato quasi azzeratasi per effetto del coronavirus. Ieri pomeriggio l’avvocato Leogrande ha proceduto alla pubblicazione del bando per la vendita di Alitalia sul sito dell’amministrazione straordinaria, aprendo la fase delle manifestazioni di interesse che si concluderà alle ore 24 del prossimo 18 marzo.

Meno di due settimane per decidere i potenziali candidati. Leogrande ha strutturato il bando, con la consulenza di Rothschild, in modo da «considerare preferibili prima le offerte che avranno ad oggetto il Lotto unico e successivamente quelle che avranno ad oggetto un lotto o più di un lotto» tra l’aviation (beni e rapporti per le attività di trasporto aereo), l’handling (cioè beni e rapporti giuridici per i servizi di assistenza a terra) e manutenzione (per le attività di manutenzione degli aeromobili).

È chiaro che l’auspicio del commissario e del governo è di vendere Alitalia per intero — in modo da spuntare maggiori tutele occupazionali per una compagnia che conta oltre 11.500 addetti — ma questi quasi tre anni di amministrazione straordinaria hanno dimostrato l’insussistenza di un venditore o di una cordata in grado di acquisirla in toto. Lo scenario macro ha ora determinato l’impossibilità che ciò avvenga, con gran parte delle compagnie aeree in fortissima crisi tra richieste di cassa integrazione (proprio Alitalia ha fatto appena richiesto di cigs per 3960 addetti), richieste smaltimento ferie e transizioni gestite appiedando una parte del personale navigante (Cathay Pacific ed Emirates, solo per citarne alcune) a zero ore. Ecco perché la speranza è che Lufthansa (o la possibile cordata Air France- Klm-Delta appartenenti allo stesso network SkyTeam come Alitalia) possa palesare il suo interesse non solo per la parte aviation (che conta 6.500 addetti) ma anche per una parte dell’handling (3000 addetti ) o la manutenzione (circa 2mila) che Leogrande considera come «preferibili» anche nel caso di «offerte interdipendenti presentate contestualmente da più soggetti ma volte alla realizzazione di un progetto industriale sinergico».

Tra i requisiti — per la divisione aviation — chi ha «realizzato negli ultimi tre esercizi sociali un fatturato lordo annuo medio di almeno 1 miliardo» e con «un patrimonio netto di almeno 250 milioni». Per la divisione handling «un fatturato lordo pari almeno a 50 milioni» e «25 milioni di patrimonio netto» e per la manutenzione «30 milioni di fatturato annuo lordo» e «15 milioni di patrimonio netto». Agli interessati «è comunque consentito, nel corso della procedura, costituire e modificare cordate anche unendosi a soggetti che non abbiamo manifestato interesse». Una possibilità di comporre cordate a posteriori, dopo il 18 marzo ed entro fine maggio per la presentazione delle offerte vincolanti, data di scadenza della procedura prorogabile di qualche settimana per compiere i trasferimenti degli asset alla newco lasciando in carico alla bad company 1,3 miliardi del prestito-ponte. Entro 5 giorni dalla manifestazione di interesse i candidati potranno accedere alla data room, avendo a disposizione tutti i dati economico-finanziari delle tre divisioni o di una sola di esse.

Print Friendly

Condividi su

Potrebbe interessarti anche
Oggi sulla stampa

ROMA — Quasi due milioni di lavoratori autonomi hanno fatto domanda per avere l’indennità di 6...

Oggi sulla stampa

Oggi sulla stampa

Destano forti preoccupazioni gli effetti economico-finanziari causati dai provvedimenti conseguenti ...

Oggi sulla stampa

Oggi sulla stampa

Proroga di un anno per il Codice della crisi. Probabilmente già con un emendamento da inserire in s...

Oggi sulla stampa