Siete qui: Oggi sulla stampa
Oggi sulla stampa

Banco Popolare, sconto del 29,3%

Un miliardo di euro chiesto al mercato vendendo nuove azioni a 2,14 euro, ovvero con uno sconto del 29,3% rispetto ai valori attuali dell’azione e del diritto di opzione (il cosiddetto «terp»). Così il Banco Popolare si propone al mercato a partire da lunedì 6, chiedendo capitali freschi innanzitutto ai suoi soci — in rapporto di 9 nuove azioni ogni 7 possedute — con l’obiettivo di rafforzare il patrimonio in vista della fusione con la Popolare di Milano. Manca l’ultimo tassello, l’ok Consob al prospetto: dovrebbe arrivare oggi, dopo essere slittato per la festa del 2 giugno. Lo sconto è leggermente inferiore alle previsioni degli analisti e anche più basso del 30,7% del precedente aumento da 1,5 miliardi del 2014, quando vennero vendute azioni a 9 euro ad azione.

Il rafforzamento patrimoniale — a lungo negato dall’amministratore delegato Pierfrancesco Saviotti che rivendica l’adeguatezza degli accantonamenti ben oltre i limiti indicati dalla Bce — è stato imposto dalla Vigilanza Unica per allineare le coperture sui crediti deteriorati della banca post fusione agli istituti maggiori. In seguito all’aumento, la nuova Bpm-Banco avrà un indice patrimoniale (il Cet1) del 12,9%. E si rafforzerà ulteriormente con le cessioni di sofferenze già in cantiere.

Non è stata una mossa indolore, quella del Banco. L’aumento di capitale ha pesato in maniera notevole sulla valorizzazione dell’istituto, e di conseguenza sulla promessa sposa Bpm, a causa dei concambi già fissati (54% Banco, 46% Bpm). Oggi l’istituto veronese vale 1,5 miliardi, la banca milanese guidata da Giuseppe Castagna 2,2 miliardi. Al momento dell’annuncio della fusione, lo scorso 24 marzo, insieme valevano 5 miliardi: la perdita di valore è stata dunque di 1,3 miliardi. Se si prende l’andamento da inizio anno, il Banco ha perso circa il 70%, la Bpm oltre il 47%, molto di più del -22% del Ftse-Mib.

L’aumento, garantito e curato da Mediobanca e Merrill Lynch (con Banca Aletti come advisor), insiste in un’area fortemente colpita dalle crisi bancarie come il Veneto: i soci di Popolare di Vicenza e di Veneto Banca, in gran parte della regione, hanno visto azzerati quasi 10 miliardi di investimenti delle due banche, per le cui ricapitalizzazioni si è resa necessaria la rete di protezione del fondo Atlante. Si respira comunque ottimismo sull’operazione del Banco: i diritti sono negoziabili fino al 16 giugno ed esercitabili fino a mercoledì 22, dunque prima del referendum sulla Brexit di giovedì 23 che sta agitando i mercati .

Fabrizio Massaro

Print Friendly

Condividi su

Potrebbe interessarti anche
Oggi sulla stampa

«Non sapevo che Caltagirone stesse comprando azioni Mediobanca. Ci conosciamo e stimiamo da tanto t...

Oggi sulla stampa

Oggi sulla stampa

Primo scatto in avanti del Recovery Plan italiano da 209 miliardi. Il gruppo di lavoro "incardinato"...

Oggi sulla stampa

Oggi sulla stampa

La Cina ha superato per la prima volta gli investimenti in ricerca degli Stati Uniti. Pechino è vic...

Oggi sulla stampa