Siete qui: Oggi sulla stampa
Oggi sulla stampa

Banco Bpm ritorna alla cedola

E’ stato il primo anno dopo molto tempo in cui siamo tornati al dividendo, nessuno si aspettava questo risultato. Ricordiamo che abbiamo portato a termine il primo merger nell’era della Vigilanza unica Bce»: lo ha affermato l’amministratore delegato di Banco Bpm, Giuseppe Castagna, commentando i risultati del 2019. Agli azionisti verrà proposto un dividendo cash di 0,08 euro per azione dopo un esercizio chiuso con un utile netto consolidato di 797 milioni di euro, che si confronta con la perdita di 59 mln dell’anno precedente. L’utile netto adjusted è balzato dell’89,2% a 648,6 milioni.

Il margine di interesse è ammontato a 1,998 miliardi dai 2,293 mld del 2018 e le commissioni nette sono scese del 3,6% a 1,794 mld. La raccolta diretta è migliorata del 7,3% a 108,9 miliardi e quella indiretta (al netto dei certificate a capitale protetto) è del 3,2% a 89,7 mld. Le esposizioni nette deteriorate sono diminuite del 17,6% a 5,5 miliardi. Il Cet1 si è posizionato al 14,6% dal 13,8% dello scorso settembre.

Banco Bpm ha archiviato il quarto trimestre con un risultato netto finanziario di 207,4 milioni rispetto ai 41,7 milioni dei tre mesi precedenti. E questo grazie all’apporto dell’attività di trading, agli utili realizzati con la cessione di titoli di debito e al risultato derivante dalla ripresa di valore per 44,6 milioni sui prestiti obbligazionari detenuti dall’istituto ed emessi da società del gruppo Sorgenia a seguito dell’operazione di cessione.

Castagna ha spiegato che riguardo alla riduzione dei costi, al derisking e alla posizione di capitale, Banco Bpm ha centrato, e in alcuni casi battuto, i target del piano industriale: «Nell’ultimo anno del primo piano industriale fatemi sottolineare i successi nel conseguire gli obiettivi da parte del management team», con la banca che ha potuto tornare al dividendo. L’attenzione operativa del gruppo si concentrerà sulle iniziative del nuovo piano strategico, che verrà presentato a inizio marzo e sarà incentrato sullo sviluppo organico del core business.

Print Friendly

Condividi su

Potrebbe interessarti anche
Oggi sulla stampa

ROMA — Quasi due milioni di lavoratori autonomi hanno fatto domanda per avere l’indennità di 6...

Oggi sulla stampa

Oggi sulla stampa

Destano forti preoccupazioni gli effetti economico-finanziari causati dai provvedimenti conseguenti ...

Oggi sulla stampa

Oggi sulla stampa

Proroga di un anno per il Codice della crisi. Probabilmente già con un emendamento da inserire in s...

Oggi sulla stampa