Siete qui: Oggi sulla stampa
Oggi sulla stampa

Banco Bpm, profitti in crescita del 30%. «Trimestre solido»

Banco Bpm chiude i primi nove mesi con un utile netto di 686 milioni, in aumento del 30,9% e, se l’andamento sarà confermato anche nel quarto trimestre, si prepara a tornare al dividendo. «Siamo sulla buona strada» ha detto ieri l’amministratore delegato, Giuseppe Castagna, commentando i dati approvati dal consiglio, di cui ha sottolineato in particolare la «solida performance del terzo trimestre».

A fine settembre i ricavi (proventi operativi) sono risultati in calo del 17,2% a 3,1 miliardi con un lieve rialzo nell’ultimo trimestre, chiuso con profitti per 93 milioni. «Tale risultato, sostenuto dallo sforzo commerciale della banca — ha spiegato l’istituto di Piazza Meda in una nota —, è stato raggiunto in uno scenario macroeconomico e di tassi d’interesse negativi che continua a essere fortemente penalizzante per le banche, unitamente alla costante diminuzione degli oneri operativi (-3,5% su anno), oltre che dalla discesa delle rettifiche su crediti (-41,5% rispetto al 30 settembre 2018)». E’ proseguita l’attività di derisking, evidenziata dalla diminuzione del «Npe ratio» netto al 5,6%, dal 6,5% segnato alla fine del 2018. Migliora anche il livello di patrimonializzazione con il Cet1 Ratio «phased-in» che sale al 13,8% e il Cet1 «fully loaded» al 12,1%.

«I risultati delle operazioni di business e il profilo di rischio confermano ulteriori progressi positivi» ha sottolineato Castagna, evidenziando anche la solidità patrimoniale e una «robusta posizione di liquidità». L’amministratore delegato di Banco Bpm ha annunciato che nel primo trimestre del 2020 presenterà il nuovo piano strategico. «Ci stiamo lavorando — ha detto il banchiere —, lo scenario è cambiato molto in termini di liquidità e anche in termini di contesto politico e di politica economica. Stiamo lavorando a qualcosa che sia il più coerente possibile con il nuovo scenario».

Parlando con gli analisti, Castagna si è mostrato ottimista sul ritorno al dividendo, «siamo sulla buona strada» ha detto, basandosi su una stima che per l’intero 2019 vede gli utili per azione calcolati in termini adjusted, ossia al netto delle componenti reddituali non ricorrenti, superiori ai 30 centesimi di euro.

Federico De Rosa

Print Friendly

Condividi su

Potrebbe interessarti anche
Oggi sulla stampa

Un presente solido grazie al metano e un futuro a idrogeno. Snam, gestore della rete nazionale del g...

Oggi sulla stampa

Oggi sulla stampa

Le offerte vincolanti per Alitalia potrebbero slittare per l’ottava volta: dal 21 novembre a fine ...

Oggi sulla stampa

Oggi sulla stampa

«La scelta di non cedere massivamente i crediti in gestione da parte del Fondo temporaneo del credi...

Oggi sulla stampa