Siete qui: Oggi sulla stampa
Oggi sulla stampa

Banco Bpm, più profitti al 2023: siamo la terza banca del Paese

Banco Bpm punta a 770 milioni di euro di utili al 2023: è uno degli obiettivi chiave del piano industriale della banca nata nel 2017 dalla fusione tra il Banco Popolare e Bpm, prima integrazione sotto la vigilanza Bce. Dopo tre anni di cantiere post-fusione, il ceo Giuseppe Castagna promette una «remunerazione attrattiva» ai soci con più di 800 milioni di dividendi distribuiti, un payout di oltre il 40%, e creazione di valore di oltre 2 miliardi: «Rafforzeremo ulteriormente il posizionamento competitivo come solida terza banca del Paese». La redditività è vista al 7,2%: «Possiamo conseguire redditività sostenibile generata dal core business, che prima per la fusione poi per la vicenda dei diamanti non siamo stati in grado di dimostrare al mercato».

Nel piano i ricavi crescono di +0,6%, i costi calano del 2%. Il banchiere non si nasconde che si tratta di obiettivi — elaborati prima della crisi coronavirus — «ambiziosi ma raggiungibili anche in uno scenario macroeconomico sfavorevole nel 2020». Il titolo tuttavia è crollato dell’8,2% perché gli analisti (come Equita, Intermonte, Mediobanca) dubitano che la stima di un Pil in calo dello 0,1% sia ottimistica. La recessione potrebbe determinare un aumento dei crediti deteriorati ma «al momento» Castagna non prevede un aumento dei flussi di npl: «Tutti dicono che lo scenario più probabile è uno scenario a V (cioè Pil in negativo e poi rimbalzo, ndr) nel 2020 e non uno scenario prolungato. Ma se questo accadesse dovremmo cambiare le assunzioni del piano». Il target di npl lordi è al 5,9%.

Nei programmi di Castagna la sostenibilità dei proventi sarà guidata dalla specializzazione di servizi per la clientela private e imprese, in coordinamento con Banca Aletti e Banca Akros, e dall’omnicanalità offerta a clienti family e small business. Previsti più di 600 milioni di investimenti in tecnologia e digitalizzazione e un piano di assunzioni per il ricambio generazionale basato su 1.100 prepensionamenti volontari. Previste la chiusura di 200 filiali, a 1.530 a fine piano e la vendita di un portafoglio immobiliare da 1 miliardo, con beneficio di circa 20 pb sul patrimonio con Cet1 stimato sopra il 12% al 2023.

Il piano è costruito su un’ottica stand alone anche se l’ops di Intesa Sanpaolo su Ubi ha cambiato lo scenario del risiko bancario. Castagna non commenta l’operazione: «Posso dire che spero di partecipare a un consolidamento che venga da molte banche di media dimensione che si uniscono piuttosto che da un’operazione ostile».

Print Friendly

Condividi su

Potrebbe interessarti anche
Oggi sulla stampa

Cdp ha appena celebrato il più grande matrimonio del 2020, quello che ha portato alle nozze Sia (4,...

Oggi sulla stampa

Oggi sulla stampa

Era nell’aria, adesso c’è la conferma ufficiale: l’Opa del Crédit Agricole Italia è «inatt...

Oggi sulla stampa

Oggi sulla stampa

Iccrea esce dal capitale di Satispay ma non abbandona il fintech. L'operazione, anzi, ha l'obiettivo...

Oggi sulla stampa