Siete qui: Oggi sulla stampa
Oggi sulla stampa

Banco Bpm, la prossima mossa del risiko con Bper o Unicredit

«Abbiamo parlato con tanti interlocutori perché ci fa piacere e vogliamo parlare con tutti». Così pochi giorni fa Giuseppe Castagna, ceo di Banco Bpm, parlava delle strade del risiko per l’ex popolare lombardo-veneta. Ma, aggiungeva, «ormai siamo rimasti in pochi». E i pochi, guardando ai gruppi italiani, si riducono fondamentalmente a due: Bper e Unicredit.

Dietro le parole di Castagna si intravede un dibattito dentro il consiglio presieduto da Massimo Tononi tra chi propende per l’una o l’altra soluzione. Il mercato è in attesa che da aprile il nuovo ceo Andrea Orcel dia la rotta a Unicredit, su Mps o altrove. Orcel potrebbe valutare un’opa su Banco Bpm, per recuperare terreno su Intesa Sanpaolo-Ubi. È una strada che ad alcuni importanti soci di Banco Bpm come Davide Leone (5%) non dispiacerebbe. Ma c’è anche l’altra strada che Castagna sta valutando: la fusione con Bper, apprezzata anche dal primo azionista della banca emiliana, Carlo Cimbri di Unipol. In Banco Bpm, il fronte di soci italiani — le fondazioni (5%) e gli industriali Remo Girondi, Sandro Veronesi, Dario Tommasi (6,7%) — potrebbe sostenere Castagna nel tavolo con Bologna. La fusione avrebbe senso industriale, con Banco Bpm che porterebbe in dote le jv assicurative con Covea e Cattolica, dalle quali è in uscita. In più c’è il risparmio gestito. Ieri Alessandro Melzi D’Eril, ceo di Anima ha detto che in caso di fusione Banco Bpm-Bper «l’evoluzione naturale» sarà la fusione tra Arca sgr (al 57% di Bper) e Anima, il cui primo azionista è Banco Bpm. C’è però il tema del concambi. Banco Bpm oggi vale 3,2 miliardi, Bper 2,6 miliardi, e da un lato gli aspetti industriali, dall’altro quelli di governance peseranno in maniera decisiva nell’ambito di un fusione alla pari. E in ogni caso dovranno essere negoziati in modo da poter passare il vaglio dell’assemblea di Banco Bpm, ormai da tempo una public company.

Print Friendly

Condividi su

Potrebbe interessarti anche
Oggi sulla stampa

Dopo settimane di ostinati dinieghi, come succede in casi simili, il Crédit Agricole deve fare i co...

Oggi sulla stampa

Oggi sulla stampa

Il governo prova a mettere ordine nella giungla dei commissari straordinari delle crisi aziendali. A...

Oggi sulla stampa

Oggi sulla stampa

La Borsa dei Bitcoin si è quotata in Borsa, e vale 100 miliardi di dollari. Ieri è stato il giorno...

Oggi sulla stampa