Siete qui: Oggi sulla stampa
Oggi sulla stampa

Banche venete, al via i mini-rimborsi

È la mano tesa per risanare l’incalcolabile danno subito dai risparmiatori, è il tentativo di recuperare credibilità sul mercato, è la volontà di ridurre il rischio di contenziosi, è la dimostrazione della rottura con il passato e della necessità di riannodare i fili con il territorio. Ma più di ogni altra cosa, l’Offerta di Transazione presentata ieri a Padova dalla Popolare di Vicenza e da Veneto Banca – due distinte proposte ma dalle linee guida pressoché identiche – è un decisivo «patto» con i soci, un accordo di ferro, senza il quale sarebbe compromessa l’esistenza stessa dei due istituti.
Perché se non ci sarà l’adesione di almeno l’80% dei soci interessati – 169mila azionisti, 94mila per la Vicenza e 75mila per Veneto Banca, l’82% dei 207mila complessivi – cadrà tutta la valenza dello strumento. Non avrà efficacia l’iniziativa (nonostante sia ammessa una piccola flessibilità sulla percentuale) e non si riuscirà a creare «la premessa per reperire gli investimenti per il rilancio della banca», nelle parole del presidente della Vicenza Gianni Mion. È, dunque, fondamentale il ruolo dei risparmiatori a cui si rivolge l’Offerta: a loro, oltre che un rimborso, viene rivolto un vero e proprio appello che suona come un allarme sulla stabilità e sul futuro delle due banche.
La corsa contro il tempo è iniziata ieri a Padova, con la presentazione del piano: durerà due mesi, fino al 15 marzo per Veneto Banca e fino al 22 marzo per la Popolare di Vicenza. In questo lasso di tempo gli azionisti individuati tra coloro che hanno acquistato azioni negli ultimi dieci anni riceveranno a casa lettere esplicative, potranno chiedere alle filiali chiarimenti e aderire all’offerta, che per l’istituto vicentino prevede un rimborso di 9 euro per azione acquistata (il 14,4% del valore massimo di 62,5 euro raggiunto dal titolo), mentre per Veneto Banca un rimborso del 15% del valore dell’azione (tra i 4,5 e i 6 euro ad azione; la scelta di Veneto Banca di rimborsare in percentuale è legata alla maggiore oscillazione subita dal titolo), al netto dei dividendi percepiti. A disposizione ci sono più di 600 milioni di euro, ai quali si aggiungeranno 60 milioni – 30 destinati alla BpVi e 30 a Veneto Banca – come plafond dedicato a chi si trova in condizioni economiche estremamente disagiate. Per questi risparmiatori, per i quali saranno concordate le modalità con le associazioni dei consumatori, i rimborsi possono essere di molto superiori ai 9 euro o al 15%. Una volta accettata l’Offerta di Transazione, si dovrà aspettare la chiusura dell’operazione e, presumibilmente tra aprile e maggio, ricevere il rimborso. Che sarà non tassabile, trattandosi di un indennizzo forfettario. I soci che aderiranno al piano rimborsi manterranno il possesso delle azioni ma dovranno obbligatoriamente rinunciare a qualsiasi azione legale nei confronti delle banche.
I soci destinatari dell’offerta sono stati selezionati secondo criteri precisi: persone fisiche e famiglie, ma anche ditte individuali, società di persone, enti no profit, curatele fallimentari, onlus. È, invece, escluso dall’offerta chi non è azionista delle due banche, le società di capitali, gli investitori istituzionali, gli azionisti che abbiano già promosso cause civili, chi è rimasto coinvolto in operazioni di capitale finanziato, soggetti che abbiano ricoperto o ricoprono ruoli rilevanti all’interno dei due gruppi. L’offerta sarà accompagnata da una serie di proposte commerciali che possono aumentarne l’entità: Veneto Banca mette in campo “LineaPerTe”, che prevede l’applicazione di condizioni agevolate e rendimenti a favore di una serie di prodotti come mutui residenziali, depositi vincolati e conti correnti. Ha le stesse caratteristiche la proposta commerciale della Popolare di Vicenza.
«È un’operazione mai fatta prima», ha detto l’amministratore delegato di BpVi Fabrizio Viola. «Vogliamo ricostruire la banca e per questo abbiamo bisogno della fiducia dei clienti e degli investitori», così il presidente di Veneto Banca Massimo Lanza. «L’intento non è quello di recuperare raccolta. Con questa azione vogliamo recuperare i nostri clienti», ha aggiunto Cristiano Carrus, ad di Veneto Banca.
I prossimi due mesi saranno serratissimi di incontri promozionali per divulgare l’Offerta e nel contempo proseguirà l’esame delle modalità per la cessione degli Npl e lo studio sui piani industriali e sul piano di fusione, la cui prima bozza sarà all’attenzione della Bce probabilmente alla fine di gennaio. Per la fusione vera e propria si dovrà aspettare qualche mese, ma «tecnicamente ci sono i tempi per farla entro il 2017», ha annunciato Fabrizio Viola. Il quale ha anche ipotizzato nel prossimo futuro la vendita del 40% di Arca sgr e ha auspicato la ricostruzione del rapporto con Cattolica.

Katy Mandurino

Print Friendly

Condividi su

Potrebbe interessarti anche
Oggi sulla stampa

Le previsioni della Commissione europea sull’economia dell’Unione e dell’Italia rappresentano ...

Oggi sulla stampa

Oggi sulla stampa

Con un coordinamento esemplare, le due maggiori economie mondiali hanno rilasciato una "doppietta" d...

Oggi sulla stampa

Oggi sulla stampa

Il 2021 offre un parziale esonero contributivo, pari a un massimo 3mila euro, a lavoratori autonomi ...

Oggi sulla stampa