Siete qui: Oggi sulla stampa
Oggi sulla stampa

Banche, raccolta a +2% Sofferenze: -40% in un anno

Sofferenze bancarie in calo; prestiti a famiglie e imprese in frenata ad aprile; tassi di interesse ai minimi storici e raccolta cresciuta del 2,1% su base annua: è la fotografia del sistema bancario in Italia tracciato dall’Abi nell’ultimo rapporto mensile. Le sofferenze al netto delle svalutazioni e accantonamenti a marzo 2019, sono risultate pari a 31,7 miliardi di euro, in calo rispetto ai 52,8 mld di marzo 2018 (-21 mld pari a -39,9% anno su anno) e ai 77,3 mld di marzo 2017 (-45,6 mld pari a -59% in un anno). La riduzione delle sofferenze è di oltre 57 mld (-64,3%) rispetto al record di novembre 2015 (88,8 miliardi). Il rapporto sofferenze nette-impieghi totali si è attestato all’1,85% vicino ai livelli precrisi (3,04% a marzo 2018, 4,40% a marzo 2017 e 4,89% a novembre 2015).Il totale dei prestiti bancari ai residenti in Italia ad aprile 2019 si colloca a 1.702,33 mld di euro, in crescita annua dello 0,7%, come nel mese precedente. A fine 2007, prima dell’inizio della crisi, ammontavano a 1.673 mld, segnando da allora a oggi un aumento in valore assoluto di circa 29 mld. In aprile, i prestiti al settore privato in Italia sono stati pari a 1.435,6 mld (+0,7% la variazione annua, +0,8% su un anno a marzo 2019). I prestiti a famiglie e società non finanziarie ammontano ad aprile 2019 a 1.291 mld (+0,5% su base annua ma in lieve decelerazione rispetto al mese precedente quando era +0,7% a/a). A fine 2007 tali prestiti si collocavano a 1.279 mld, con un incremento nel periodo in valore assoluto di 12 mld. Ad aprile è aumentata anche la dinamica annua della raccolta sull’interno da clientela delle banche in Italia; rimane positivo il trend dei depositi, mentre ancora in contrazione la dinamica delle obbligazioni. La raccolta bancaria da clientela residente è risultata pari a 1.760,6 mld (+2,1% sull’anno prima). I depositi hanno registrato ad aprile 2019 un +3,9% in un anno, aumentando di 56,7 mld in valore assoluto su base annua. I depositi si sono attestati ad aprile 2019 a un livello di 1.518,6 mld. L’ammontare delle obbligazioni è risultato pari a circa 242 mld ad aprile 2019, in calo del 7,8% su base annua (-8,4% nel mese precedente). In aprile, il tasso d’interesse medio per l’acquisto di case è stato dell’1,85%, come a marzo 2019 (5,72% a fine 2007), il tasso medio sui nuovi finanziamenti alle imprese è stato dell’1,42%, e il tasso medio sul totale dei prestiti è stabile al 2,58%.

Print Friendly

Condividi su

Potrebbe interessarti anche
Oggi sulla stampa

Giuseppe Maino è stato confermato Presidente di BCC Milano dal nuovo Consiglio di Amministrazione e...

Oggi sulla stampa

Oggi sulla stampa

Unicredit accelera sulla «pulizia» dei crediti e, in vista del nuovo piano, si prepara a vendere u...

Oggi sulla stampa

Oggi sulla stampa

Negli ultimi tre anni il settore bancario italiano ha di fatto dimezzato lo stock di crediti deterio...

Oggi sulla stampa