Siete qui: Oggi sulla stampa
Oggi sulla stampa

Banche, le misure del governo

Niente decreti sul fisco, di cui si discuterà nel prossimo Consiglio dei ministri. E niente sentenza della Consulta sul blocco dei contratti sul pubblico impiego. Le novità ieri sono venute dall’approvazione, da parte del governo, del decreto che contiene nuove regole per imprese e banche, norme che semplificano le procedure fallimentari. E, solo per un articolo, regole indirizzate alle sole banche sulla deducibilità delle perdite su crediti. 
Il primo obiettivo, dichiarato, del decreto è favorire la soluzione, o una parte della soluzione, del problema delle sofferenze bancarie, quel macigno di finanziamenti non rimborsati — quasi 200 miliardi — che pesa sui bilanci e limita anche le risorse disponibili per fare prestiti a famiglie e imprese. Ebbene, semplificando, le procedure il provvedimento punta a ridurre i tempi del recupero dei crediti, oggi attorno agli 8 anni, e quindi a dare certezza di realizzo e valore, in vista, ha spiegato il ministro dell’Economia, Pier Carlo Padoan, dell’avvio di «un mercato secondario delle sofferenze che avrà effetti benefici sull’economia».
La nuova disciplina semplifica e modifica le procedure concorsuali ed esecutive. In particolare sono previsti interventi per dare uno sbocco alle imprese in crisi non ancora decotte o per «evitare la dittatura della minoranza dei creditori», come ha detto Padoan, nel caso degli accordi consensuali. Quanto alle procedure esecutive, l’intento è di favorire la più rapida ed efficace soddisfazione dei crediti in particolare bancari e sono previste per esempio modifiche e riduzione dei tempi per le operazioni di realizzo dei beni mobili e immobili dati in garanzia .
Il secondo intervento, richiestissimo dalle banche, riduce da 5 anni a un anno il periodo su cui operare la deducibilità fiscale delle perdite su crediti. L’esigenza è completare l’equiparazione con le regole europee nell’ottica dell’unione bancaria e della competitività europea. Anche in questo caso l’obiettivo finale è aumentare le risorse disponibili per i prestiti all’economia. «È una misura a costo zero per il bilancio» ha detto Padoan. «Se il decreto fosse stato approvato 5 anni fa — ha detto Renzi — il credito alle piccole imprese non sarebbe venuto meno». Secondo le nuove regole, per smaltire gli arretrati — si tratta di portare a deduzione perdite che fino a 2 anni fa dovevano essere spalmate in 18 anni e dopo in 5 — si procede con un ricadenzamento delle scadenze così da esaurirli gradualmente, si è calcolato, in 10 anni. E la bad bank ? «Se ci sarà, compatibilmente con le norme europee sugli aiuti di Stato, sarà uno strumento in più» risponde Padoan, quasi oscurando l’ipotesi.

Print Friendly

Condividi su

Potrebbe interessarti anche
Oggi sulla stampa

Ai tempi delle grandi manifestazioni contro la stretta cinese, le file degli studenti di Hong Kong a...

Oggi sulla stampa

Oggi sulla stampa

L’ingresso nel tempio della finanza tradizionale pompa benzina nel motore del Bitcoin. Lo sbarco s...

Oggi sulla stampa

Oggi sulla stampa

L’Internet super-veloce e la fibra ottica sono un diritto fondamentale, costituzionale, che va ass...

Oggi sulla stampa