Siete qui: Oggi sulla stampa
Oggi sulla stampa

Banche italiane, Sos ricavi e Npl

La pandemia tornerà a pesare sui ricavi, già asfittici, delle banche italiane e ne stresserà ulteriormente il capitale: ne è convinta l’agenzia Moody’s, secondo cui le misure promosse dal governo «mitigheranno solo parzialmente gli effetti negativi sul sistema finanziario e industriale», mentre si genererà una nuova mole di crediti non performanti.

In un report Moody’s prevede che le chiusure degli stabilimenti produttivi e delle imprese rallenteranno la diffusione dell’epidemia, «ma eroderanno la capacità di rimborso di famiglie e società, portando a un aumento dei prestiti problematici e delle perdite di credito. Inoltre una riduzione dei volumi di prestiti e di gestione patrimoniale influenzerà negativamente la redditività delle banche, e prevediamo anche un ulteriore stress da capitale dall’aumento del peso del rischio e dall’ampliamento degli spread dei titoli di stato». L’agenzia aggiunge che «le misure adottate da governi, banche centrali e autorità di vigilanza nell’ambito dei dieci maggiori sistemi bancari in Europa – considerando che i sistemi di garanzia sono un elemento chiave di queste azioni che tutti e dieci i paesi hanno messo in atto e che i pacchetti di aiuti finanziari differiscono da un paese all’altro – se attuate, supporteranno le banche e i creditori contribuendo a compensare la diffusa perturbazione causata dal congelamento delle economie europee».

I programmi di aiuto «possono mitigare i rischi di credito presso gli istituti finanziari, sostenendo la domanda e l’occupazione globali attraverso garanzie sui prestiti e finanziamenti diretti ai mutuatari, acquistando attività di alta qualità che negoziano al di sotto dei loro valori intrinseci e offrendo finanziamenti alle banche a condizioni favorevoli. La moratoria dei pagamenti sui mutui o alcuni prestiti alle società aumenta i rischi per i finanziatori, ma tali rischi possono essere ridotti dall’effetto macroeconomico positivo del sostegno alla fiducia e alla spesa dei consumatori».

Infine, alcune misure di flessibilità normativa proposte rischiano di incoraggiare la conservazione o persino l’aumento dell’esposizione ad attività che comportano perdite.

Print Friendly

Condividi su

Potrebbe interessarti anche
Oggi sulla stampa

Maximo Ibarra ha rassegnato le sue dimissioni da Sky Italia per diventare amministratore delegato e ...

Oggi sulla stampa

Oggi sulla stampa

Non cede all’ottimismo il ministro dell’Economia Daniele Franco che punta l’indice sui due pun...

Oggi sulla stampa

Oggi sulla stampa

In punta di diritto: la contrarietà a un giudicato nazionale, nel contesto del giudizio di ottemper...

Oggi sulla stampa