Siete qui: Oggi sulla stampa
Oggi sulla stampa

«Banche italiane e spagnole, più rischi»

di Sergio Bocconi

MILANO — E ora sulle banche italiane pesa il proprio debito sovrano. I nostri maggiori istituti, che svolgono in prevalenza attività retail e quindi mostrano in un confronto europeo punti «strutturali» di debolezza (scarsa redditività) e di forza (leva bassa, raccolta stabile, scarsa esposizione alle attività più rischiose), hanno un Grande Problema: sono piene di Bot e Btp. Non è certo una novità ma questi titoli, che fino a qualche mese fa erano risk free, oggi sono considerati «bombe» finanziarie che possono esplodere da un momento all'altro.
Big italiane penalizzate dunque dal proprio rischio Paese: è quanto emerge dal rapporto sulle «Maggiori banche europee nel primo semestre 2011» realizzato da R&S-Mediobanca. Che inizia sottolineando come nella prima parte di quest'anno le prime 20 banche europee (per l'Italia Unicredit e Intesa Sanpaolo) hanno visto gli utili cadere del 25,5%, risultato a cui hanno contribuito in modo consistente voci straordinarie come la svalutazione dei titoli di Stato greci (4,5 miliardi, poi diventati circa 9 nei nove mesi). I nostri due principali istituti hanno confermato una redditività più bassa rispetto alla media europea (4,5% contro il 6,5% in una graduatoria che vede primi Ing con il 14,3% e Deutsche bank e Bbva con il 13,9%) per motivi sostanzialmente strutturali: sono banche prevalentemente retail. Quindi hanno anche una morfologia di attività e bilancio che presenta sotto questo profilo anche punti di forza. A cominciare dalla leva (totale attivo sul patrimonio netto): è pari a 17,9 per Intesa e a 20,8 per Unicredit contro una media di 27,6 e punte come Dexia (75,8) e Deutsche (50).
E sempre perché istituti retail, le nostre banche hanno impieghi che rappresentano la stragrande maggioranza degli attivi (60%) contro una media europea decisamente più bassa (42%), a fronte di una raccolta diretta da clientela che rappresenta il 93,5% degli impieghi contro una media del 77,8%. I derivati invece non superano il 6,8% dell'attivo contro una media del 17%. E ancora: le attività di livello 3, le più rischiose in assoluto e praticamente illiquide, nelle nostre banche rispetto al patrimonio di vigilanza sono pari a un quinto (Intesa) o a metà (Unicredit) della media europea.
Poi però ci sono le «nuove» attività rischiose: i titoli di Stato dei Paesi cosiddetti Piigs (Portogallo, Italia, Irlanda, Grecia e Spagna). R&S-Mediobanca calcola che le 20 maggiori banche europee hanno una esposizione verso questi debiti sovrani a fine giugno pari a 340,8 miliardi, 186 dei quali verso bond italiani. E se i primi tre istituti francesi hanno il «primato» sui bond greci con quasi 8 miliardi, seguiti da quelli del Benelux (quasi tutto Dexia) con 4,4 miliardi e dai tedeschi (3,3), Italia e Spagna sono ovviamente i primi detentori dei «propri» titoli: Intesa e Unicredito hanno in portafoglio bond nazionali per complessivi 103 miliardi, Bbva e Santander per 104 miliardi. Situazioni ordinarie diventate «straordinarie» per la nuova classificazione dei rispettivi debiti sovrani.

Print Friendly

Condividi su

Potrebbe interessarti anche
Oggi sulla stampa

Come se fossimo tornati indietro di sei mesi, il governo si divide tra chi vuole subito misure anti-...

Oggi sulla stampa

Oggi sulla stampa

Arriva la firma del premier Conte al decreto di Palazzo Chigi che autorizza la scissione degli 8,1 m...

Oggi sulla stampa

Oggi sulla stampa

Doppia proroga della cassa integrazione per l’emergenza Covid-19 per assicurare la copertura fino ...

Oggi sulla stampa