Siete qui: Oggi sulla stampa
Oggi sulla stampa

Banche, gli «Srep» premiano le big

I primi dati mostrano margini di capitale ampi rispetto alle richieste della vigilanza
All’appello mancano ancora alcune delle minori (e più malandate) banche italiane. Ma dalle prime sessioni d’esame dello Srep, il processo della Bce che ogni anno monitora lo stato di salute in termini di requisiti patrimoniali e di gestione dei rischi, le principali banche italiane escono a pieni voti. Ieri alcuni istituti come Intesa Sanpaolo, UniCredit, Ubi, Bper e Credem hanno infatti il velo sulle richieste di patrimonializzazione minima avanzate dalla Bce per il 2017. E tutte presentano livelli di Cet 1 ratio (ovvero i coefficienti patrimoniali frutto del rapporto tra capitale di maggiore qualità e gli attivi ponderati per il rischio) ampiamente sopra alle soglie minime imposte da Francoforte. Nel corso delle prossime settimane, invece, sempre a valle dell’approvazione da parte dell’Ssm, saranno comunicati formalmente i risultati anche alle altre banche sottoposte alla Vigilanza unica europea, che fino ad oggi hanno avuto indicazioni solo informali.Tra queste ci sono le due venete, che sono alle prese con una potenziale fusione; Carige, che ha contestato gli esiti degli stress test Bce; Bpm e Banco Popolare, che riceveranno la richiesta nel corso delle prossime settimane, una volta che la nuova combined entity sarà diventata realtà. Ancora da capire se ci saranno indicazioni per Mps.
I dati delle big
Ieri intanto Intesa Sanpaolo ha comunicato di avere ricevuto una richiesta di Cet 1 ratio (phased in, ovvero a regole di Basilea 3 non totalmente a regime) del 7,25% a livello consolidato, che si raffronta con il 12,8% detenuto settembre 2016, peraltro al netto di 2,25 miliardi di dividendi maturati nei primi nove mesi dell’anno. Un buffer di oltre 5 punti percentuali sul minimo che conferma il livello di solidità della banca guidata da Carlo Messina. Di tutta sicurezza sono anche i margini di UniCredit, che si è visto fissare l’asticella di base a quota 8,75%, a fronte di un 11%. Ampio il buffer di capitale di Ubi: la banca guidata da Victor Massiah può contare su un Cet 1 dell’11,68%, più di 4 punti sopra il nuovo requisito minimo del 2017, pari al 7,5%. Ampiamente al di sopra dei minimi regolamentari anche Credem, che per il 2017 si è visto assegnare una soglia base del 6,75%contro il 13,51% registrato a fine settembre 2016. Infine, significativamente al di sopra del minimo Srep (pari al 7,25%) è Bper, che può vantare un coefficiente di solidità del 14,47%.
La soglia minima e la guidance
Insomma, tutte le banche che ieri hanno dato i risultati – complice l’approvazione delle richieste da parte del Single Supervisory Board – hanno mostrato di possedere un margine di capitale ampio rispetto ai diktat della Bce. Una buona notizia per chi ha in mente potenziali operazioni straordinarie, come un aumento delle rettifiche su crediti, politica sempre apprezzata dalla Bce, o ipotetiche acquisizioni di altri banche.
Va detto tuttavia che la soglia minima di Cet 1 è la parte “visibile” delle richieste Bce, quella che Francoforte aveva autorizzato a comunicare. Al requisito minimo (che è vincolante per la distribuzione di dividendi e bonus), da quest’anno si aggiunge la soglia di capital guidance di Cet 1 ratio. Un numero sensibile che rimane tema confidenziale tra le singole banche e Francoforte, che ha infatti ha chiesto esplicitamente alle banche di non divulgare. Il tema riguarda da vicino non tanto le banche più in salute, ma quelle che mostreranno margini risicati rispetto alle richieste Bce. Nella guidance, che è ragionevolmente più alta del requisito minimo, confluiscono infatti gli esiti degli stress test del 2016 ma anche parte delle rettifiche derivanti dalle ispezioni che la Bce ha avviato nel corso dell’anno. Per quanto non vincolante, la guidance è un numero che le banche da quest’anno guarderanno molto attentamente. Perchè rappresenta l’indicazione a cui tendere in prospettiva, tanto che in caso di mancato rispetto la Bce inizierà a marcare stretto gli istituti che dovranno presentare piani di azione dettagliati per tornare in equilibrio.

Luca Davi

Print Friendly

Condividi su

Potrebbe interessarti anche
Oggi sulla stampa

Un balzo in avanti. In parte previsto, ma che comunque apre una prospettiva diversa rispetto al pess...

Oggi sulla stampa

Oggi sulla stampa

Decontribuzione dal 50 al 100% per i lavoratori che usciranno dalla cassa integrazione del settore t...

Oggi sulla stampa

Oggi sulla stampa

Dica la verità, senatrice Bongiorno, ma la Lega vuole davvero i fondi del Recovery che sono legati ...

Oggi sulla stampa