Siete qui: Oggi sulla stampa
Oggi sulla stampa

Banche, Fmi: la redditività rimane bassa

Il Fondo monetario internazionale riconosce i «consistenti progressi» nel risanamento delle banche in Italia, soprattutto nella riduzione dei crediti deteriorati, ma evidenzia la bassa redditività, specialmente per gli istituti medi e piccoli. L’istituzione di Washington raccomanda di «evitare il più possibile» il ricorso al Fondo di tutela dei depositi negli interventi preventivi sulle realtà in affanno.

Nel rapporto preparato al termine della missione annuale, gli ispettori del Fmi riconoscono che in tre anni l’incidenza degli Npl nelle banche italiane è più che dimezzata, passando dal 16% del 2016 al 7,3% nel 2019, con dismissioni che hanno anche superato gli obiettivi prefissati. Restano comunque alcune sfide: il ratio sugli Npl è ancora il doppio della media europea, il valore medio dei livelli di patrimonializzazione è di 1,5 punti più basso, ma soprattutto c’è un problema di redditività nelle banche medio-piccole. Ciò riflette «il basso potenziale di crescita della raccolta, costi operativi stutturalmente elevati, difficoltà sui modelli di business e debolezza di governance».

Il Fondo aggiunge che dovrebbe essere utilizzato il meno possibile il Fondo interbancario. Il miglioramento nel quadro di gestione delle crisi a livello europeo, con l’introduzione di un regime di liquidazione ordinata per le banche non sistemiche, faciliterebbe ulteriormente la risoluzione e la liquidazione. Nel gestire le banche deboli gli sforzi delle autorità italiane si sono concentrati su soluzioni di mercato. L’intensificazione delle misure correttive ha generalmente richiesto tempo, dal momento che è stata data attenzione alle implicazioni sistemiche e ai rischi di contagio. Mentre questo approccio può avere alcuni meriti, le criticità potrebbero persistere o peggiorare se non affrontate in modo tempestivo. In generale, secondo il Fmi, bisognerebbe evitare che l’utilizzo dell’amministrazione straordinaria ritardi azioni decisive.

Print Friendly

Condividi su

Potrebbe interessarti anche
Oggi sulla stampa

La crisi generata dal coronavirus colpisce frontalmente l’economia reale ma rischia di riflettersi...

Oggi sulla stampa

Oggi sulla stampa

ROMA — Lavoratori pagati dalle banche anziché dall’Inps. È la soluzione che il governo sta pr...

Oggi sulla stampa

Oggi sulla stampa

BERLINO — La Bce ha deciso un altro passo importante. Per il bazooka appena sfoderato da 750 mili...

Oggi sulla stampa