Siete qui: Oggi sulla stampa
Oggi sulla stampa

Banche, in filiale resiste il modello tradizionale di sportello

La finanza diventa sempre più digitale, basti pensare che il 16% degli italiani ha utilizzato servizi Fintech nel 2017 (soprattutto mobile payment, mobile wallet e strong authentication). Ma i margini di miglioramento restano. Per esempio, un’area ancora poco esplorata dagli operatori è quella delle soluzioni digitali per le piccole e medie imprese. E, soprattutto, la maggior parte delle filiali bancarie resta ancorata a modelli tradizionali. Stando ai dati dell’Osservatorio Fintech & Digital Finance della School of Management del Politecnico di Milano, analizzando 50 banche e 15 gruppi bancari, risulta che la filiale è focalizzata sull’attività di uno sportello a cui i clienti si rivolgono per qualsiasi tipo di operazione. Nonostante la clientela sia ben ricettiva sul fronte delle innovazioni. Infatti, un cliente su due (il 56%) si relaziona con la propria banca utilizzando un pc, un tablet o uno smartphone. Un dato, forse, non ritenuto ancora sufficiente per il salto di qualità delle sedi degli istituti di credito. Così, solo una minoranza di banche ha installato chioschi self-service all’interno di alcune filiali (generalmente tra il 10 e il 20% della propria rete), che permettono al cliente di svolgere in autonomia alcune operazioni (per esempio il versamento degli assegni o il pagamento di F24 e MAV/RAV). Stesso discorso in merito alle funzionalità degli Atm (Macchina distributrice automatica) presenti all’esterno delle banche. Quasi la totalità degli istituti dispone di un parco Atm totalmente multifunzione e di una buona quota di questi che permettono anche versamenti di contante e/o assegni. In particolare, mediamente oltre il 20% degli Atm risultano «evoluti» e accettano versamenti, ma anche in questo caso con una doppia velocità: ci sono banche che hanno creduto di più in questo strumento, sfiorando quote anche del 50%, altre meno, con quote di poco sopra il 10%. Invece sono molto poche le banche che hanno deciso di dedicare degli spazi all’interno delle agenzie per permettere ai clienti di videochiamare un operatore tramite una postazione attrezzata e svolgere attività legate ai titoli o ai finanziamenti: solo due delle banche intervistate dispongono di questa possibilità e solo un altro paio di istituti lo sta testando. Passando ai canali di comunicazione più digitali (Pc, smartphone e tablet) è evidente come questi siano ormai canali portanti della strategia retail: mediamente il 38% dei clienti della banca è un utente attivo tramite Pc (+5%), con istituti che superano anche il 47% dei clienti. Tramite computer si eseguono in media circa 14 operazioni dispositive all’anno, (con punte di 30 disposizioni). Meno diffuso, almeno per ora, il canale mobile (smartphone e tablet), ma le potenzialità di crescita non mancano. In media, il 15% dei clienti delle banche intervistate è un utente attivo da smartphone o tablet (+9%). Chi ha puntato fortemente sul digitale, impostando fin da subito una relazione multicanale con i propri clienti, arriva a punte del 28-30% di base utenti attiva da mobile. Ogni utente, nel 2017, ha eseguito mediamente 6 operazioni all’anno, con punte di 9 operazioni. Ancora agli albori, infine, l’offerta di servizi di Robo Advisor: sono pochi i casi e alcune piccole banche si appoggiano a servizi offerti da terzi.

Roxy Tomasicchio

Print Friendly

Condividi su

Potrebbe interessarti anche
Oggi sulla stampa

«È cruciale evitare di ritirare le politiche di sostegno prematuramente, sia sul fronte monetario ...

Oggi sulla stampa

Oggi sulla stampa

Dopo aver fatto un po’ melina nella propria metà campo, il patron del gruppo Acs, nonché preside...

Oggi sulla stampa

Oggi sulla stampa

Una forte ripresa dell’economia tra giugno e luglio. È su questo che scommette il governo: uscire...

Oggi sulla stampa