Siete qui: Oggi sulla stampa
Oggi sulla stampa

Banche europee: meno ricavi ma la crisi non deprime l’utile

MILANO — Inversione di tendenza per i principali gruppi bancari europei: nei primi sei mesi del 2013 l’utile aggregato è stato di 36 miliardi, in aumento del 35,6% rispetto allo stesso periodo del 2012 (il secondo semestre dello scorso anno si è chiuso in perdita di circa 7 miliardi). Sul fronte ricavi i big del credito registrano un calo del 4,4% dovuto alla caduta del margine di interesse (-8,1%). Per i due maggiori istituti italiani, Intesa Sanpaolo e Unicredit, la redditività resta invece «modesta», con un utile netto sui ricavi pari al 6,2% contro una media europea del 15,3% e una redditività sul capitale proprio (Roe) del 2,3%, pari a un terzo di quella europea nonché la più bassa in assoluto nel primo semestre.
Il rapporto sulle «Maggiori banche europee nel primo semestre 2013», realizzato da R&S-Mediobanca, spiega che sui nostri istituti pesano due fattori. Primo: la struttura dei costi pari al 64,4%, superiore a quella delle principali banche inglesi (59,4%), olandesi (59,8%), nord europee (54,8%) e spagnole (55%), anche se non molto distante dalla media europea (63,5%). Secondo: il rapporto tra le perdite su crediti ed i ricavi pari al 26,2% nel 2013, contro una media europea del 14,4%. In Italia, osserva lo studio di Mediobanca, la somma dei costi operativi e delle svalutazioni arriva al 90,6% ed è «il livello più alto tra i Paesi considerati». Le nostre banche non sono però le uniche ad avere ridotto la propria redditività netta, fanno loro compagnia gli istituti tedeschi (da 6,7% a 4,8% a causa della perdita nella di Commerzbank) e quelli francesi (dal 7% al 6,7%), mentre quelli degli altri Paesi hanno segnato progressi di redditività netta nel primo semestre del 2013.
Nei primi sei mesi di quest’anno i big del credito europeo hanno ridotto i derivati, che sono calati del 18,1% su dicembre 2012 (circa mille miliardi in meno ma comunque pari a quasi un quinto del totale attivo, a 4.462 miliardi). Gli istituti italiani si segnalano per la prudenza: la percentuale di derivati sul totale attivo è del 6,9 per Intesa Sanpaolo e dell’8,2 per Unicredit, contro il 43,8 di Credit Suisse e il 33,3 di Deutsche Bank.
Se i derivati si sono sgonfiati, sono cresciuti invece i titoli di Stato dei cinque Paesi Giips (Grecia, Irlanda, Italia, Portogallo, Spagna) in mano alle banche europee: a fine giugno 2013 erano oltre 310 miliardi contro i 275 miliardi di fine giugno 2012 (+13%). Intesa Sanpaolo è tra gli istituti europei quella con la percentuale più alta di Giips sul capitale netto (203,8%), seguita da Unicredit (76,3%) e dalle spagnole Bbva (78,5%) e Santander (59,8%). La media europea è del 27,2%. Nel giugno 2013 l’esposizione in titoli governativi italiani è salita a 207 miliardi (più 33,6 miliardi su giugno 2012). «Nell’insieme, rispetto a giugno 2011 – spiega il rapporto – il portafoglio di governativi Giips italiano è quello che si è maggiormente accresciuto (più 43,7 miliardi), quello francese ha segnato la maggiore riduzione (meno 49,3 miliardi)».
Infine la leva finanziaria, che per le banche è il rapporto tra il capitale netto dell’istituto con il totale delle attività: gli istituti italiani sono ben sotto il 25 della media europea, dando prova di solidità (17,6 per Unicredit e 18 per Intesa Sanpaolo).

Print Friendly

Condividi su

Potrebbe interessarti anche
Oggi sulla stampa

Generali, atto secondo. Francesco Gaetano Caltagirone, socio della compagnia al 5,6%, non molla sul ...

Oggi sulla stampa

Oggi sulla stampa

Tre mesi per le riforme. Cruciali, delicatissimi, fondamentali. Un calendario denso che nelle intenz...

Oggi sulla stampa

Oggi sulla stampa

Bastano uno smartphone o una chiavetta usb per registrare conversazioni dal vivo o telefoniche e rac...

Oggi sulla stampa