Siete qui: Oggi sulla stampa
Oggi sulla stampa

Banche, Europa recupera su Usa

Prosegue il recupero di redditività delle banche europee, che nel 2017 sono riuscite a raddoppiare il roe, portandolo al 5,7 dal 2,9% dell’anno precedente e riducendo il divario dalle rivali americane: è quanto emerge da un’indagine di Mediobanca riguardante i risultati dei 67 principali gruppi bancari mondiali. Proprio sul fronte del return on equity arriva una sorpresa dalle due regine italiane, entrambe sopra la media europea e fra i top performer di categoria con un +7,8% per Intesa Sanpaolo (al netto dei 3,5 mld di contributi statali per le ex popolari venete) e un +10,2% per Unicredit (+6,4% escludendo la plusvalenza generata dalla vendita di Pioneer).Il restringimento progressivo della forchetta si riscontra anche su altri parametri: è il caso dei costi operativi, scesi dello 0,2% per le banche europee e in crescita del 2,7% negli Stati Uniti. Inoltre il risultato di negoziazione si è rafforzato del 22,2% contro il +7,2% americano. L’utile netto in Europa è più che raddoppiato (+101,3%) a 69,9 miliardi rispetto 75,7 mld di dollari (65,2 mld euro) d’oltreoceano, che hanno dovuto fare i conti con una flessione del 21,6%. Il confronto resta comunque impietoso estendendo l’analisi all’ultimo decennio: gli istituti Usa hanno restituito 625,6 miliardi di dollari di utili, contro i 410,9 mld del Vecchio continente.

Intanto le banche cinesi si confermano in vetta per gli attivi. Industrial and Commercial Bank of China è il più grande istituto mondiale con 3.343 miliardi di euro. Seguono China Construction Bank e Agricultural Bank of China. La prima banca italiana è Unicredit, al ventiduesimo posto con 854 miliardi, mentre Intesa Sanpaolo (venticinquesima) accorcia le distanze con un balzo di dodici posizioni a 830 miliardi.

Infine, le banche italiane hanno continuato nel 2017 a ridurre l’Npl ratio lordo, cioè il rapporto fra i crediti deteriorati lordi e il totale dei crediti, che resta comunque decisamente più alto rispetto alla media europea. Il parametro era pari al 14,8%, che scende al 12% considerando le cessioni effettuate nei mesi scorsi da Mps, Intesa e Banco Bpm. La media europea si attesta al 3,6%, mentre le banche americane sono al 2,4%.

Print Friendly

Condividi su

Potrebbe interessarti anche
Oggi sulla stampa

«Siamo certamente partiti con il piede giusto». Carlos Tavares, amministratore delegato di Stellan...

Oggi sulla stampa

Oggi sulla stampa

«L’intervento del Pnrr si colloca nel solco degli sfidanti obiettivi definiti in sede europea e n...

Oggi sulla stampa

Oggi sulla stampa

Squadre di lavoro ad hoc per asili e i nuovi “ospedali di comunità”. Si avvia la fase operativa...

Oggi sulla stampa