Siete qui: Oggi sulla stampa
Oggi sulla stampa

Banche e supermercati studiano sociologia Così i servizi imparano e reagiscono alla crisi

Si tratta di una pura coincidenza ma ieri due importanti gruppi, uno della grande distribuzione (Carrefour) e l’altro bancario (Intesa Sanpaolo), hanno varato altrettante iniziative che avranno sicuri riflessi su consumi e stili di vita degli italiani. I francesi per sostenere le vendite di cibo hanno unilateralmente deciso di scontare l’Iva su un ampio paniere di beni ai clienti sopra i 65 anni e alle famiglie numerose composte da almeno cinque membri. L’istituto di credito italiano ha iniziato, invece, da ieri la sperimentazione dell’apertura degli sportelli di cento filiali dalle 8 alle 20 e il sabato dalle 8 alle 13. Le due iniziative hanno percorsi, logiche e target differenti tra loro, in comune mostrano però una reattività delle rispettive dirigenze nei confronti della crisi e dei profondi mutamenti che sta determinando. Le imprese più accorte — e non sono certo le sole due di cui stiamo parlando — capiscono che bisogna muoversi, il contesto economico causato dalla Grande Crisi non è destinato a sparire da un momento all’altro (anzi) e quindi bisogna adottare soluzioni originali. Per dirla con una battuta visto che la montagna della recessione non si sposta, tocca a Maometto muoversi.
I dirigenti italiani di Carrefour sostengono che la loro non è un’iniziativa «commerciale» e arrivano a definirla di «welfare sociale». Ormai la difficoltà di fare la spesa non è più limitata alla quarta settimana del mese e quindi non basta più procedere con le tradizionali promozioni sul punto vendita, c’è bisogno di creare un rapporto caldo e solidale con gli strati sociali maggiormente in difficoltà, anziani con redditi bassi e famiglie numerose, che stanno significativamente riducendo il budget dedicato alla spesa alimentare. Dopo aver fatto slittare a data da destinarsi quello legato ai beni durevoli (auto, arredo, ecc.). Scontare l’Iva vuol dire che una larga serie di prodotti, dalla macelleria alla frutta e verdura, dal pane a salumi e formaggi, costerà il 7% in meno con un risparmio che per le famiglie numerose è stato calcolato in 350-500 euro l’anno e per un pensionato in 150-200 euro.
Il test di Carrefour durerà due mesi e mezzo ma si pensa che possa essere tranquillamente prolungato. Gli osservatori esterni e i concorrenti naturalmente sono padroni di non credere alle parole dei manager italofrancesi e magari pensare legittimamente che per questa via la multinazionale del carrello vuol evitare di perdere clienti a favore degli hard discount, ma tutto sommato cambia poco. Il dado è tratto, il business si è fatto sociologia ampliando così ancor di più il fossato culturale che già divide la finanza più o meno speculativa da chi cerca ancora di far soldi con l’industria e i servizi. E per riuscirci deve far funzionare la testa.
L’apertura fino a tarda sera è un progetto che ricorrendo a un calembour è stato chiamato «Banca Estesa», da ieri riguarda 100 filiali ma è già previsto di estenderlo ad altre 400 entro giugno. Poi si vedrà se allargarlo ulteriormente. Se funziona sì. In più i gestori saranno disponibili a raggiungere i clienti anche a domicilio o sul posto di lavoro. La crisi tra i tanti problemi che ha creato ha sicuramente peggiorato il rapporto tra banche e clienti e questa è la prima iniziativa che tenta di ricucirlo almeno sul versante degli orari e non ancora su quello della maggiore disponibilità a concedere prestiti e mutui. Intesa cerca, dunque, di delineare un’offerta di servizio più vicina agli stili di vita, il tutto in una logica che i sociologi definiscono di conciliazione dei tempi. È anche vero che in questo modo si comincia a colmare un ritardo anacronistico, dall’apertura liberalizzata dei supermercati si passa alle banche e alla possibilità quindi delle famiglie di recarsi in filiale con una maggiore programmazione. L’iniziativa della banca milanese è stata concordata con i sindacati e ha anche lo scopo, tutt’altro che secondario, di stabilizzare l’occupazione adottando una modalità innovativa.
Come detto, abbiamo riferito di Carrefour e Intesa per la singolare coincidenza temporale ma tutto il mondo dei servizi è alla ricerca di soluzioni e formule nuove. Da una parte i settori colpiti dalla crisi dei consumi devono stare attenti a non perdere il contatto con i clienti in difficoltà, dall’altra gli spazi per innovare sono ampi e potrebbero investire gradualmente tutta un’altra serie di attività (commercio al dettaglio, taxi, professionisti, servizi alla persona, consulenza porta a porta). Vedremo quanti Maometto capiranno che a star fermi si chiude.

Print Friendly

Condividi su

Potrebbe interessarti anche
Oggi sulla stampa

Almeno per ora il pericolo è scampato. Ma è difficile capire quanto ancora la rete di protezione l...

Oggi sulla stampa

Oggi sulla stampa

Mario Draghi ha deciso di scrivere personalmente il nuovo Recovery Plan italiano. Lo farà insieme a...

Oggi sulla stampa

Oggi sulla stampa

Gli sherpa sono al lavoro per invitare Mario Draghi nella capitale francese. Emmanuel Macron vorrebb...

Oggi sulla stampa