Siete qui: Oggi sulla stampa
Oggi sulla stampa

Banche, decreto omnibus per obbligazionisti e Bcc

Ultima spolverata al decreto omnibus sul sistema bancario italiano. L’approvazione definitiva è attesa per oggi in consiglio dei ministri. Dopo una serie di rinvii, il governo sembra ormai pronto a varare in un solo testo tutte le norme che serviranno, da un lato a rafforzare il sistema creditizio, dall’altro a rimborsare i risparmiatori che sono rimasti coinvolti nel default di Banca Marche, Banca Etruria, Carichieti, e Cariferrara. Incluso inoltre il capitolo Bcc. In merito al problema dei ristori agli obbligazionisti subordinati, il decreto conterrà le regole per ottenere i rimborsi, che non dovrebbero eccedere i 100 mila euro a investitore. Secondo alcune indiscrezioni, su questo punto, la bozza mette in campo 8 indici presuntivi (con un ampio spettro di casi previsti) e 9 elementi di valutazione rilevanti. Se il provvedimento omnibus dovesse poi rivelarsi eccessivamente corposo, il governo provvederà a scorporare le norme che definiscono i criteri dei rimborsi spettanti agli obbligazionisti. Proprio sulla definizione di tali ultimi criteri sembra dunque completamente tramontata l’ipotesi iniziale di un ulteriore dpcm che ne specifici i tecnicismi. «Al netto delle scelte tattiche», ha commentato ieri il premier Matteo Renzi nella newsletter, «il punto chiave è che il sistema bancario deve trasformarsi».

Nel provvedimento dovrebbero confluire inoltre le norme che riguardano le garanzie sui crediti in sofferenza, nuove disposizioni in materia di diritto fallimentare e la riforma del sistema del credito cooperativo. Riguardo ai crediti deteriorati, il provvedimento servirà a dare una definizione dell’accordo cui sono giunti il ministro dell’economia Pier Carlo Padoan d’intesa con Bruxelles sull’acquisto di garanzie pubbliche (Gacs) da parte degli istituti del credito privati, a copertura delle sofferenze bancarie cartolarizzate. I nodi più difficili da sciogliere, che avevano riguardato i criteri di accertamento in sede arbitrale delle violazioni degli obblighi di informazione, diligenza, trasparenza e correttezza imposti dal Tuf, sarebbero stati superati in fase di definizione del testo.

Infine il capitolo Bcc: il decreto prevederà la costituzione di una capogruppo (spa) con licenza bancaria, il cui capitale sarà detenuto in misura maggioritaria dalle Bcc. La capogruppo, il cui capitale minimo viene fissato a 1mld, eserciterà funzioni di indirizzo e controllo e ad essa le banche aderiranno attraverso un contratto di coesione.

Print Friendly

Condividi su

Potrebbe interessarti anche
Oggi sulla stampa

Sarà un’altra estate con la gatta Mps da pelare. Secondo più interlocutori, l’Unicredit di And...

Oggi sulla stampa

Oggi sulla stampa

«La sentenza dice che non è possibile fare discriminazioni e che chi gestisce un sistema operativo...

Oggi sulla stampa

Oggi sulla stampa

Un nuovo “contratto di rioccupazione” con sgravi contributivi totali di sei mesi per i datori di...

Oggi sulla stampa