Siete qui: Oggi sulla stampa
Oggi sulla stampa

Banche in campo per l’acquisto del 110% in attesa del via libera al Recovery plan

Da 100 a 105 euro ogni 110 euro di superbonus. A otto mesi dall’avvio dell’agevolazione (1° luglio 2020), il mercato dei crediti d’imposta vede in campo tutti i principali istituti di credito, con Poste e assicurazioni.

Privati e condomìni hanno ora un’ampia gamma di possibilità per cedere la detrazione e ripagarsi le spese. Anche se avviare i cantieri del 110% resta complicato a livello burocratico e progettuale. E, con la pandemia che torna a mordere, completare i lavori in tempo utile sarà una sfida.

Oggi restano 15 mesi e mezzo: il superbonus è stato prorogato dall’ultima manovra sino al 30 giugno 2022 (e a fine 20 22 negli edifici plurifamiliari, a certe condizioni), già impegnando una grossa fetta degli aiuti europei che la Ue deve ancora sbloccare. Ma proprio su questo fronte sarà decisivo vedere la versione finale del Recovery plan, anche alla luce delle perplessità sollevate da Bruxelles: le bozze inviate la scorsa settimana dal Governo al Parlamento, infatti, contemplano un’estensione del 110% agli interventi completati entro la fine del 2023 (si veda Il Sole 24 Ore del 13 marzo).

Valutazioni a più livelli

Privati e condomìni hanno oggi la possibilità di cedere il superbonus a un prezzo che, come minimo, copre l’intera spesa detraibile. Con l’avvertenza, però, che ci sono alcuni costi non agevolati, come ad esempio il compenso dell’amministratore di condominio. E che, in generale, il prezzo d’acquisto non è l’unico elemento da considerare: soprattutto per chi vuole farsi finanziare prima di cedere il credito d’imposta.

Ci sono intermediari che non offrono un prestito abbinato al 110% (come Poste Italiane, Generali, UnipolSai o Bnl). Negli altri casi, vanno comunque valutati il Taeg (compreso tra il 2,5 e il 7%) e la durata del finanziamento (che può arrivare a 120 mesi, ma che di solito il cliente vorrà rimborsare dopo la cessione). A volte le condizioni possono cambiare a seconda del tipo di soggetto: Creval, ad esempio, applica un Taeg più basso ai privati; Fineco non acquista i crediti dai condomìni.

Finanziamenti e altre soluzioni

Le condizioni di dettaglio differiscono molto tra le diverse offerte. Può capitare, però, che non sia possibile farsi finanziare “da zero” il cantiere, se non si paga di tasca propria almeno una parte delle prime fatture o delle spese del primo stato avanzamento lavori (Sal). Questo significa dover disporre di una certa liquidità, pe uò cedere il 110% solo con due Sal pari almeno al 30% ciascuno.

Altra complicazione riscontrata nella pratica è quella di chi ha già un mutuo in corso per l’acquisto della casa che vuole ristrutturare: anche se il superbonus è garantito dallo Stato, alcuni clienti hanno avuto difficoltà a farsi finanziare, perché l’istituto non vuole rimanere “esposto” mentre il cantiere è in corso (il 110%, infatti, “matura” con l’asseverazione del tecnico e il visto di conformità dell’intermediario fiscale).

Un’alternativa è scindere le operazioni: farsi finanziare da un istituto e cedere il superbonus a un altro (privilegiando chi paga di più e si accontenta di meno documenti). Ma questa scelta presuppone l’avere tecnici e fiscalisti di fiducia per curare asseverazioni, visti e attestazioni: quelle verifiche che le banche affidano di solito a grandi società specializzate (si veda il grafico con alcuni dei principali istituti). Insomma, in queste situazioni si segue una via ispirata al fai-da-te, diametralmente opposta a quella di chi si affida a un soggetto strutturato, come una utility o una Esco, che offre un pacchetto “chiavi in mano”, magari con la formula dello sconto in fattura, legando un contratto di fornitura d’energia e una polizza a copertura dell’esecuzione dei lavori.

Più oneri per le imprese

Quasi tutti gli intermediari acquistano i crediti d’imposta anche dalle aziende. L’idea, cioè, è quella che l’impresa proponga lo sconto in fattura e poi – una volta rilevato il bonus dal cliente – lo ceda a una banca, da cui nel frattempo si sarà fatta finanziarie per pagare le spese correnti. Ma il prezzo d’acquisto è spesso di un paio di punti inferiore a quello proposto ai privati e la possibilità di ottenere un anticipo sulle fatture – pur sempre legata al merito creditizio – si ferma al 40-70% degli importi, con tassi più alti.

Print Friendly

Condividi su

Potrebbe interessarti anche
Oggi sulla stampa

«È cruciale evitare di ritirare le politiche di sostegno prematuramente, sia sul fronte monetario ...

Oggi sulla stampa

Oggi sulla stampa

Dopo aver fatto un po’ melina nella propria metà campo, il patron del gruppo Acs, nonché preside...

Oggi sulla stampa

Oggi sulla stampa

Una forte ripresa dell’economia tra giugno e luglio. È su questo che scommette il governo: uscire...

Oggi sulla stampa