Siete qui: Oggi sulla stampa
Oggi sulla stampa

Bancarotta, prova ampia

Basta il caos contabile per realizzare la bancarotta documentale. Non è necessario che la contabilità sia impossibile da ricostruire, potendo bastare che la ricostruzione sia estremamente difficoltosa. È quanto ha precisato la Corte di cassazione con la sentenza della prima sezione penale n. 1266 del 14 novembre 2014, depositata il 9 marzo 2015. La suprema corte estende il concetto di bancarotta documentale, che in generale consiste nell’omessa o irregolare tenuta della contabilità, nella mancata consegna al curatore della documentazione, nella distruzione e occultamento della stessa. Il principio formulato dalla Corte riguarda la consumazione del reato che, ad avviso dei giudici, si realizza non solo quando la ricostruzione del movimento di affari del fallito è impossibile, ma anche quando gli accertamenti da parte degli organi fallimentari sono ostacolati da difficoltà superabili sono con particolare diligenza: ad esempio quando il curatore deve ricorrere ad indagini extracontabili, in presenza di scritture lacunose se non del tutto mancanti. Di fronte a un caos documentale, la contabilità perde la sua funzione tipica e ciò è sufficiente per contestare la bancarotta documentale. La sentenza si occupa anche dell’identikit dell’amministratore elencando gli indici per individuarlo. Innanzi tutto rileva l’avere assunto l’iniziativa di costituire una società poi, l’avere condotto la gestione operativa e finanziaria. Ad esempio, se si sono impartiti ordini ai dipendenti e anche all’amministratore formale. Con condotte di questo tipo, anche chi è socio non può accampare l’interesse alla redditività della partecipazione propria o di un familiare quale unica sua veste. I comportamenti descritti, infatti, delineano una persona che si ingerisce continuativamente nella gestione della società, esercitando i poteri tipici del gestore e non soltanto del socio. L’apparente socio assume la qualifica sostanziale di amministratore di fatto e ne risponderà penalmente a titolo di bancarotta.

Print Friendly

Condividi su

Potrebbe interessarti anche
Oggi sulla stampa

«È cruciale evitare di ritirare le politiche di sostegno prematuramente, sia sul fronte monetario ...

Oggi sulla stampa

Oggi sulla stampa

Dopo aver fatto un po’ melina nella propria metà campo, il patron del gruppo Acs, nonché preside...

Oggi sulla stampa

Oggi sulla stampa

Una forte ripresa dell’economia tra giugno e luglio. È su questo che scommette il governo: uscire...

Oggi sulla stampa