Siete qui: Oggi sulla stampa
Oggi sulla stampa

Bancarotta: il manager inattivo è colpevole

Nella bancarotta fraudolenta è possibile riconoscere il concorso materiale quando si siano verificati differenti e autonomi comportamenti dolosi i quali, concretizzatisi poi in abuso o infedeltà nell’esercizio della carica ricoperta o in un atto intrisecamente pericoloso per l’andamento economico-finanziario della società, sono stati causa del fallimento.
È quanto emerge dalla sentenza 29921/2014 della Cassazione depositata l’8 luglio, che ha confermato la condanna inflitta in appello all’amministratore e al liquidatore di una Srl per bancarotta fraudolenta documentale e bancarotta impropria da reato societario. «La responsabilità dell’amministratore o del liquidatore è ravvisabile – ricorda la pronuncia – non soltanto quando a conoscenza di un atto pregiudizievole non si attivi per impedire l’evento ma anche quando non si sia dato un’organizzazione idonea a garantire gli interessi che lui ha l’obbligo, per legge, di tutelare, consentendo in tal modo che altri possano ledere i suddetti interessi”.
In pratica, pertanto, senza un’organizzazione idonea non si rispettano, oppure è molto difficile rispettare, i doveri di vigilanza e controllo. E quindi tanto gli amministratori quanto i liquidatori devono dimostrare di aver fatto tutto ciò che era nelle loro possibilità per attuare un’efficace vigilanza e un rigoroso controllo.

Print Friendly

Condividi su

Potrebbe interessarti anche
Oggi sulla stampa

Cinque nomi nuovi, a partire da Andrea Orcel, cinque conferme (più Pier Carlo Padoan, cooptato da p...

Oggi sulla stampa

Oggi sulla stampa

Francesco Gaetano Caltagirone segue le orme di Leonardo Del Vecchio e, dopo anni passati ad arrotond...

Oggi sulla stampa

Oggi sulla stampa

Zero profitto, zero dividendo: così la Bundesbank ha chiuso il bilancio 2020, un bilancio pandemico...

Oggi sulla stampa