Siete qui: Oggi sulla stampa
Oggi sulla stampa

Banca Marche cede crediti in sofferenza

Banca Marche ha venduto un pacchetto di crediti in sofferenza, per un valore lordo di 127 milioni di euro, a un investitore Usa: il fondo Christofferson, Robb & Company. Questa notizia, che anni fa sarebbe stata normale routine, oggi è invece un vero e proprio evento: da quando la crisi ha iniziato a far aumentare i crediti dubbi nei bilanci delle banche e da quando queste per evitare perdite eccessive hanno iniziato a ridurre le svalutazioni, pochissime banche riescono infatti a vendere pro soluto crediti in sofferenza. Banca Marche, come qualche mese fa aveva fatto Intesa Sanpaolo, invece ci è riuscita: ha ceduto un intero pacchetto di sofferenze, attraverso la tecnica della cartolarizzazione, deconsolidandolo dai bilanci. L’istituto non acquisterà infatti alcuna tranche di bond. E realizzando – si legge su una nota – una perdita rispetto ai valori di bilancio solo «lieve».
Facciamo un passo indietro. La crisi sta aumentando i crediti dubbi nei bilanci delle banche. Secondo i dati Abi, a marzo 2012 i crediti in sofferenza ammontavano in Italia a 107,6 miliardi: in forte crescita rispetto ai 93 miliardi del marzo 2011 e ai 63 del marzo 2010. Con i crediti dubbi che affollano i bilanci, sarebbe dunque salutare se le banche riuscissero in parte a venderli a investitori in grado di gestirli. Il problema, però, è il prezzo: le banche hanno ancora in bilancio questi crediti a valori troppo alti, per cui a quei prezzi nessuno li acquista. Banca Marche e il fondo Usa si sono accordati su un prezzo perché, lavorando con il consuelente Rothschild, Fbs Spa e lo studio Sabelli, i crediti sono stati valutati accuratamente. Fbs – che recentemente ha lavorato anche con la Popolare di Bari – sarà anche servicer, cioè si occuperà della gestione del portafoglio.
«Il mercato dei crediti in sofferenza è ingessato – spiega Paolo Strocchi di Fbs spa – Lavorando duro, però, siamo riusciti a ritagliare un portafoglio di crediti da vendere e a trovare un punto d’incontro tra domanda e offerta». Punto d’incontro che limita le perdite per la banca. E che le permette di deconsolidare un pacchetto di sofferenze.

Print Friendly

Condividi su

Potrebbe interessarti anche
Oggi sulla stampa

Sarà un’altra estate con la gatta Mps da pelare. Secondo più interlocutori, l’Unicredit di And...

Oggi sulla stampa

Oggi sulla stampa

«La sentenza dice che non è possibile fare discriminazioni e che chi gestisce un sistema operativo...

Oggi sulla stampa

Oggi sulla stampa

Un nuovo “contratto di rioccupazione” con sgravi contributivi totali di sei mesi per i datori di...

Oggi sulla stampa