Siete qui: Oggi sulla stampa
Oggi sulla stampa

Banca Imi, cresce l’utile: +28% a 240 milioni «Puntiamo all’estero»

«I risultati del primo trimestre 2019 ci rendono orgogliosi del lavoro svolto e del percorso fin qui intrapreso. Rispetto allo stesso periodo dello scorso anno, che già aveva registrato performance molto incoraggianti». Così Mauro Micillo, amministratore delegato di Banca Imi, commentando i risultati del primo trimestre della banca d’investimento del gruppo Intesa Sanpaolo, che ha visto salire l’utile di quasi il 28% a 240 milioni di euro, grazie all’andamento dei ricavi, caratterizzati da un robusto livello di interessi netti e dai profitti da operazioni finanziarie. Il margine di intermediazione si è posizionato a 517 milioni di euro (+18,7%) e alla sua formazione hanno contribuito le attività di capital markets per 437 milioni di euro e di investment banking e structured finance per 80 milioni di euro. Il risultato della gestione operativa ha raggiunto quota 401 milioni (+25,8%) per effetto, appunto, dell’andamento del margine d’intermediazione a fronte di costi operativi sotto controllo (a 116 milioni, in flessione dello 0,6%), con il cost/income ratio sceso al 22,5% rispetto al precedente 26,9%. «Nonostante un trimestre caratterizzato da uno scenario non certo favorevole — prosegue Micillo che, con il presidente Gaetano Miccichè guida l’istituto — Banca Imi ha raggiunto e superato traguardi sfidanti portando a termine operazioni di finanza strutturata e di investment banking, con una significativa parte dei ricavi provenienti dalla clientela non domestica». «Vogliamo certamente continuare ad essere la banca d’investimento leader in Italia — ha proseguito il numero uno di Banca Imi — ma, al contempo, aumentare le nostre attività all’estero anche grazie allo sviluppo del progetto Originate To Share che a breve entrerà ancor più nel vivo. Con la Divisione Cib di Intesa Sanpaolo siamo già presenti in 25 Paesi nel mondo con numerose filiali e uffici di rappresentanza raggruppati nei quattro Hub di Londra, New York, Dubai e Hong Kong e puntiamo ad aumentare il nostro peso fuori dai confini nazionali».

Print Friendly

Condividi su

Potrebbe interessarti anche
Oggi sulla stampa

Via libera agli indennizzi per i risparmiatori truffati dalle banche: ieri, il ministro dell’Econo...

Oggi sulla stampa

Oggi sulla stampa

Quaranta giorni per salvare Alitalia prima che si esauriscano le risorse residue del prestito ponte ...

Oggi sulla stampa

Oggi sulla stampa

La crisi di governo fa subito vacillare il precario equilibrio della finanza pubblica italiana e apr...

Oggi sulla stampa