Siete qui: Oggi sulla stampa
Oggi sulla stampa

Bail in, per Banca d’Italia troppe informazioni fanno male

Troppe informazioni al mercato fanno male. Ed è scontro tra istituzioni sul bail in. Se per Consob la priorità nel recepimento della direttiva 59/2014/Ue sul risanamento delle crisi bancarie resta la trasparenza verso l’investitore, l’opinione di Banca d’Italia è chiara: «troppe informazioni fanno male». Nel corso dell’audizione tenutasi ieri presso la commissione finanze del Senato, il vicedirettore generale di Banca d’Italia, Fabio Panetta, ha ricordando come il bail in preveda il rischio di perdita per i depositi superiori ai 100 mila euro e come il sistema finanziario italiano necessiti di nuove misure per ribilanciare il rapporto rischio/rendimento dei prodotti subordinati (i primi in ordine di chiamata in caso di default bancario). Tuttavia, gli schemi di decreto che recepiscono la direttiva sul bail in prevedono, oltre all’obbligo di differire la diffusione al pubblico della notizia di risoluzione, anche la non applicazione degli obblighi di comunicazione riguardo alla cessione di beni e di rapporti giuridici. Misura, questa, già fortemente contestata dal Presidente di Consob Giuseppe Vegas (che ha rimarcato la necessità di chiarezza nella comunicazione di informazioni price sensitive), e che ha invece trovato d’accordo Bankitalia, il cui focus rimane la prevenzione della stabilità sistemica. Su domanda della senatrice Cinzia Bonfrisco (Conservatori e riformisti) che ha spinto sul problema dell’asimmetria informativa tra clienti e banche, Panetta ha specificato come il fornire un elenco dei rating degli istituti del credito italiani difficilmente compenserebbe alla carenza informativa della piazza, rischiando anzi di infondere maggiori dubbi.

Print Friendly

Condividi su

Potrebbe interessarti anche
Oggi sulla stampa

Con una valutazione pari a tre volte i ricavi, ossia di 1,5 miliardi di euro, Cedacri sta per essere...

Oggi sulla stampa

Oggi sulla stampa

Ecco uno squarcio sui ritardi del piano italiano per accedere ai 209 miliardi del Next Generation Eu...

Oggi sulla stampa

Oggi sulla stampa

Alla fine il governo ha deciso di sposare la linea del Comitato tecnico scientifico: scuole di ogni ...

Oggi sulla stampa