Siete qui: Oggi sulla stampa
Oggi sulla stampa

Bad bank, la borsa è scettica

Le borse europee hanno archiviato la giornata in progresso, tranne Milano che è rimasta sotto la parità, indebolita dal settore bancario. Il Ftse Mib (-0,40% a 18.848 punti) ha comunque recuperato gran parte delle perdite segnate nel corso della seduta grazie al miglioramento di Wall Street, a sua volta legato al recupero del petrolio. La borsa ha bocciato l’accordo sulla bad bank raggiunto dal governo italiano e dalla Commissione Ue, in quanto è troppo vago e non elimina la vulnerabilità legata alle sofferenze.

I dati macro americani non hanno avuto un impatto particolare sugli scambi: l’indice settimanale sulle richieste di mutui ha registrato un +8,8% su base mensile attestandosi a 472,8 punti, mentre le vendite di nuove unità abitative sono salite in dicembre del 10,8% a quota 544 mila.

In Europa Londra ha guadagnato l’1,33%, Francoforte lo 0,59%, Madrid lo 0,56%, Parigi lo 0,54%. A New York, intorno a metà seduta, gli indici viaggiavano contrastati: il Dow Jones avanzava dello 0,19%, mentre il Nasdaq era in calo dello 0,37%. Dopo le decisioni della Fed sui tassi, le vendite hanno colpito Wall Street, con il Dj a -1,08% e il Nasdaq -1,83%. Lo spread fra Btp decennali e Bund tedeschi è terminato in calo a 113.

A piazza Affari pesanti vendite sui titoli bancari: B.Popolare ha lasciato sul terreno il 7,8%, B.P.E.Romagna il 4,07%, Creval il 3,76%, B.Carige il 3,67%, Ubi B. il 3,23%, Unicredit il 3,04%, B.P.Milano l’1,84%, Mediobanca l’1,51% e Intesa Sanpaolo lo 0,97%. In controtendenza B.Mps (+1,14%).

Su di giri Stm (+4,41% a 6,27 euro) e Anima H. (+2,24% a 7,075 euro), che ha beneficiato dell’a.d. sui nuovi mandati istituzionali ottenuti nel mese di gennaio. In profondo rosso Saipem (-11,36% a 0,55 euro) nel terzo giorno di aumento di capitale, con i diritti che hanno segnato un +2,88% a 2,144 euro.

Nel resto del listino invariata De’ Longhi: Banca Imi ha abbassato il prezzo obiettivo da 23,2 a 22,9 euro con rating hold. Denaro su MailUp (+3,45% a 3 euro): dall’ultima equity research di EnVent Capital Markets sul titolo emerge che la società continua a sovraperformare l’indice di mercato, facendo registrare un incremento dell’8% nell’ultimo anno a fronte di un -14,8% dell’indice Ftse Aim Italia. Sopra la parità Piteco (+1,35% a 3,75 euro). Il presidente Marco Podini ha spiegato che l’obiettivo è arrivare al 2017 al mercato principale con il meccanismo del fast track: «Da questo ci aspettiamo molto in termini di visibilità soprattutto nei confronti degli investitori esteri».

Nei cambi, l’euro ha chiuso stabile a 1,0865 dollari in attesa delle comunicazioni della Fed. Ancora in arretramento lo yen a quota 118,72 sul biglietto verde e 129,01 sull’euro.

Per le materie prime, quotazioni del petrolio in recupero: a Londra il Brent guadagnava 1,50 dollari a 33,27 dollari e a New York il Wti era scambiato a 32,49 dollari, in progresso di circa un dollaro.

Print Friendly

Condividi su

Potrebbe interessarti anche
Oggi sulla stampa

Le previsioni della Commissione europea sull’economia dell’Unione e dell’Italia rappresentano ...

Oggi sulla stampa

Oggi sulla stampa

Con un coordinamento esemplare, le due maggiori economie mondiali hanno rilasciato una "doppietta" d...

Oggi sulla stampa

Oggi sulla stampa

Il 2021 offre un parziale esonero contributivo, pari a un massimo 3mila euro, a lavoratori autonomi ...

Oggi sulla stampa