Siete qui: Oggi sulla stampa
Oggi sulla stampa

Babele di aiuti in Redditi 2021

Redditi 2021 e la missione impossibile: compilare correttamente il prospetto sugli aiuti di Stato. Per effetto dei vari aiuti concessi dalle normative emergenziali, il numero dei casi in cui si rende obbligatoria la compilazione di tale prospetto contenuto nei quadri RS delle dichiarazioni dei redditi 2021 è cresciuto a dismisura. Sono 45 i diversi aiuti di stato codificati, dei quali 14 inseriti da quest’anno, mentre in tutte le situazioni «dubbie» i contribuenti dovranno adottare il codice residuale denominato 999 il cui utilizzo, peraltro, rende ancor più complessa la compilazione del prospetto in argomento. E in molte situazioni, come nel caso dei contributi a fondo perduto erogati per la pandemia, i contribuenti saranno chiamati ad indicare dati che sono già conosciuti all’amministrazione finanziaria (si veda ItaliaOggi del 6/5/21 e del 16/4/21).

Le istruzioni alla compilazione del prospetto aiuti di stato ricordano che le informazioni che i contribuenti dovranno indicare sono utilizzate dall’Agenzia delle entrate per la registrazione dell’aiuto individuale nel registro nazionale degli aiuti. Si tratta pertanto di un obbligo strumentale, necessario alla corretta indicazione degli aiuti ricevuti nell’apposito registro nazionale.

Le istruzioni ricordano inoltre che il prospetto in argomento deve essere compilato dai contribuenti che nel periodo d’imposta di riferimento della dichiarazione (2020 per i soggetti solari) hanno beneficiato di aiuti fiscali automatici (aiuti di Stato e aiuti «de minimis») nonché di quelli subordinati all’emanazione di provvedimenti di concessione o di autorizzazione alla fruizione, comunque denominati, il cui importo non è determinabile nei predetti provvedimenti ma solo a seguito della presentazione della dichiarazione dei redditi. L’obbligo della compilazione del prospetto, ricordano ancora le istruzioni al modello Redditi 2021, scatta soltanto con riferimento agli aiuti di Stato i cui presupposti per la fruizione si sono verificati nel periodo d’imposta di riferimento della dichiarazione avvertendo inoltre che l’obbligo scatta anche in caso di aiuti maturati nel periodo d’imposta di riferimento della dichiarazione, ma non fruiti nel medesimo periodo. Per la compilazione del prospetto occorre fare riferimento all’apposita tabella allegata alle istruzioni dei modelli Redditi 2021 e Irap 2021 nella quale sono codificati i singoli aiuti di Stato. La compilazione del prospetto si rende obbligatoria anche nel caso in cui i singoli aiuti siano già stati indicati dai contribuenti in altri quadri del modello Redditi quali, ad esempio, il Quadro RU o i quadri RF, RG o RE.

Come accennato in premessa le maggiori difficoltà che i contribuenti incontreranno nella individuazione degli aiuti per i quali scatta l’obbligo di compilazione del prospetto in commento, sono dovute al numero elevato di bonus e ristori introdotti dalla legislazione emergenziale nel corso del 2020.

Tali difficoltà dovranno essere risolte tenendo ben presente che, secondo l’amministrazione finanziaria, l’indicazione degli aiuti nel prospetto è necessaria e indispensabile ai fini della legittima fruizione degli stessi.

Esaminando la tabella sopra richiamata si scopre che sono ben 45 gli aiuti di Stato ai quali sono stati attribuiti i relativi codici numerici con abbinato il riferimento della norma che li ha singolarmente istituiti.

Agli stessi deve essere poi aggiunto il codice residuale «999 – Altri aiuti di Stato o aiuti de minimis diversi da quelli sopra elencati».

Scorrendo la tabella in commento si nota l’inserimento di ben 14 nuovi codici aiuto rispetto allo scorso anno. In tali nuovi codici sono ricompresi i principali bonus deliberati nel corso del 2020 dai vari decreti emergenziali.

Spiccano infatti, all’interno delle nuove codifiche, aiuti di Stato quali, fra gli altri, il Contributo a fondo perduto a favore dei soggetti colpiti dall’emergenza epidemiologica «Covid-19» di cui all’art. 25, dl. 34/2020 (codice aiuto 020) o il Contributo a fondo perduto per gli operatori Iva dei settori economici interessati dalle nuove misure restrittive di cui all’art. 1, dl 137/2020 (codice aiuto 022).

Per tutti gli altri aiuti ricevuti nel corso del 2020, non sono espressamente codificati nella suddetta tabella, i contribuenti dovranno cimentarsi in un’attività di ricerca e interpretazione della norma istitutiva per capire se debbano o meno essere inseriti nell’apposito prospetto del quadro RS tramite l’utilizzo del codice residuale 999.

Print Friendly, PDF & Email

Condividi su

Potrebbe interessarti anche
Oggi sulla stampa

Ita, la nuova compagnia aerea a controllo pubblico, si chiamerà Alitalia, come la vecchia. Lo stor...

Oggi sulla stampa

Oggi sulla stampa

Strada spianata per la fusione Sia-Nexi, che ora avverrà «nei più brevi tempi possibili», scriv...

Oggi sulla stampa

Oggi sulla stampa

Entra anche il reddito di cittadinanza nel decreto fiscale collegato alla manovra all’esame oggi ...

Oggi sulla stampa