Siete qui: Oggi sulla stampa
Oggi sulla stampa

Aziende, cresce l’e-business

Le aziende credono nell'e-business, il trasporto di parte o di intere attività aziendali sulla rete, e ne stanno intensificando l'utilizzo: lo usano per soprattutto per il crm, la gestione del rapporto con i clienti (il 71%), per il web marketing con una percentuale che supera ancora il 70%, ma sempre più anche per il social media marketing (58%) e attività su mobile (35%) i due segmenti a più forte crescita negli ultimi anni.

I dati arrivano dal terzo osservatorio italiano sull'e-business, realizzato dalla società di ricerche Demoskopea per eBit Innovation, un'azienda che, è bene dirlo, opera nel web marketing.

Dall'osservatorio, realizzato su un panel di 1.000 consumatori con caratteristiche socio demografiche rappresentative dell'utente web e un gruppo di 423 aziende con un fatturato medio di circa 385 milioni di euro, emerge anche il quadro dei navigatori e delle loro relazioni online con le aziende. Il 39% di loro durante la formazione del processo di acquisto cerca sul web informazioni dagli altri consumatori e cresce (dal 35% del 2010 al 41 del 2011) la percentuale di chi considera blog, forum e community come i canali più affidabili, mentre i siti istituzionali sono ritenuti il mezzo più affidabile solo dal 30% degli utenti.

Le aziende, dal canto loro, effettuano un completo restyling del sito ogni 3,5 anni, aggiornano i contenuti con una frequenza media settimanale e offrono spazi crescenti a informazioni su prezzi, sconti e promozioni. «In particolare, accorpando le singole attività, emerge un chiaro quadro del rapporto tra l'utilizzo degli strumenti e gli obiettivi», spiega Gianluca Borsotti di eBit Innovation. «La totalità del campione aziende sfrutta internet per il suo scopo originale ovvero la comunicazione, l'88% lo usa come strumento di relazione con il consumatore, il 75% delle aziende sfrutta il web per attività di marketing, di cui il 71% per il web marketing e il 58% per il social media marketing, il 63% utilizza la rete per attività legate a transazioni economiche, e-commerce e acquisti b2b), il 35% ha già sviluppato azioni sul mobile ed infine il 54% delle aziende dichiara di utilizzare altri strumenti tipici dell'e-business, tra cui spicca il 20% di materiale interattivo presso il punto di vendita, il 9% di web tv e l'11% di QR code».

Per quanto riguarda il web marketing la sua incidenza sul budget totale è cresciuta al 12%. Le aziende allocano mediamente il 5% del budget sui social media: il 43% delle aziende apre una pagina su Facebook e addirittura il 58% sviluppa azioni di fidelizzazione considerando anche la creazione di gruppi di discussione o la pubblicità sui social media. Del resto il 72% dei navigatori intervistati dichiara di avere un account su Facebook e di questi il 27% è fan di un'azienda, connettendosi alla pagina in media 10 volte al mese.

Infine, il 41% del campione consumer si collega a internet da device mobili facendo registrare tassi di attività generalmente più alti di coloro che si collegano da postazioni fisse e una decisamente maggiore propensione ad acquistare online. Dai dati emerge che ben il 27% del campione delle aziende ha già sviluppato un'applicazione mobile, dove il mondo Apple è in assoluto il più curato (seguono: Windows mobile, Android e Symbian).

Print Friendly

Condividi su

Potrebbe interessarti anche
Oggi sulla stampa

Sono sessantasei i fascicoli di polizze infortuni in favore dei dirigenti di cui si sono perse le tr...

Oggi sulla stampa

Oggi sulla stampa

«Questo shock senza precedenti potrebbe causare qualche vittima tra le banche». Un Ignazio Visco i...

Oggi sulla stampa

Oggi sulla stampa

«Non sarà possibile avere il Recovery Fund in funzione dal primo gennaio 2021 e anche il Bilancio ...

Oggi sulla stampa