Siete qui: Oggi sulla stampa
Oggi sulla stampa

Aziende in concordato aumentano

Si fallisce meno, perchè si concorda di più. Calano – in maniera lenta ma costante – i fallimenti delle imprese in Italia, mentre aumentano quelle in difficoltà che fanno ricorso ai rinnovati strumenti di gestione delle crisi.

È questa la lettura dell’ultima, consueta, “Analisi dei fallimenti”, elaborata da Cribis, società del gruppo Crif specializzata nella business information.

Quello che emerge è che, nel I semestre di quest’anno, il numero dei fallimenti delle imprese italiane (5714) è diminuito del 4,2% rispetto all’analogo periodo del 2018 (5.966), un trend virtuoso iniziato circa 4 anni fa, che ha avuto un’accelerazione significativa nel 2017 (-15,7 per cento).

In direzione inversa, nello stesso periodo, è cresciuto – sempre secondo Cribis – il numero di concordati preventivi tra il II trimestre 2018 (232) e l’analogo periodo del 2019 (293), un aumento pari al 26%.

«L’aumento delle procedure di concordato – ha spiegato Marco Preti, amministratore delegato di Cribis – si inserisce anche nel solco del nuovo Codice della crisi d’impresa e dell’insolvenza, che ha l’obiettivo di garantire un più rapido intervento in caso di peggioramento delle performance dell’impresa. Da inizio 2020, poi, la nuova disciplina dell’early warning interesserà circa 100-150mila Pmi».

Focalizzando l’analisi solo sul secondo trimestre dell’anno, si nota che la diminuzione dei fallimenti è stata di quasi 5 punti percentuali: dai 2994 del II trimestre 2018 si è passati ai 2847 di quest’anno (-4,9%)». Nel settore edilizio il calo è stato più alto che altrove: il numero di aziende che hanno portato i libri in tribunale è sceso del 12,1%, dalle 589 del II trimestre 2018 alle 518 dello stesso periodo 2019. «Il dato si spiega – ha aggiunto Preti – con il fatto che l’edilizia è stato il settore che negli ultimi 10 anni ha pagatopiù caro il prezzo della crisi e del blocco di cantieri e investimenti. Le aziende con maggiori difficoltà sono già uscite dal mercato negli anni passati. Chi +è ancora attivo, è più solido».

Allargando l’arco temporale dell’analisi, dal 2010 al 2019 sono fallite 30.239 imprese in Lombardia, il doppio rispetto a Lazio (15.622) e Toscana (12.347) .

Print Friendly

Condividi su

Potrebbe interessarti anche
Oggi sulla stampa

Via libera agli indennizzi per i risparmiatori truffati dalle banche: ieri, il ministro dell’Econo...

Oggi sulla stampa

Oggi sulla stampa

Quaranta giorni per salvare Alitalia prima che si esauriscano le risorse residue del prestito ponte ...

Oggi sulla stampa

Oggi sulla stampa

La crisi di governo fa subito vacillare il precario equilibrio della finanza pubblica italiana e apr...

Oggi sulla stampa