Siete qui: Oggi sulla stampa
Oggi sulla stampa

Azienda donata, vendita con sconto

È soggetta a tassazione separata la plusvalenza realizzata con la cessione di un’azienda ricevuta per donazione, quando il periodo di possesso del donatario, sommato con quello del donante, è maggiore di cinque anni: lo afferma l’agenzia delle Entrate nella risposta, datata 23 ottobre 2013, all’interpello di un contribuente.
Il caso
Il caso considerato era quello della cessione a titolo oneroso (posta in essere nel 2013) di un’azienda (bar, tabaccheria, edicola) che fu oggetto di donazione, tra marito (donante) e moglie (donataria), nel 2012. Il donante aveva avviato l’azienda in parte nel 1988 e in parte nel 1999. La donataria, una volta ricevuta l’azienda in donazione, aveva istituito un’impresa familiare con le sue due figlie e aveva continuato l’azienda proseguendo i medesimi valori fiscalmente riconosciuti in capo al donante, ai sensi dell’articolo 58 del Tuir.
L’interpello
Il problema affrontato nell’interpello riguarda la possibilità per il soggetto che ha effettuato la cessione d’azienda di optare per la tassazione separata, ai sensi dell’articolo 17, comma 1, lettera g) del Tuir, e ciò in base alla considerazione che gli imprenditori individuali possono optare, in sede di dichiarazione dei redditi, per la tassazione separata delle plusvalenze realizzate mediante la cessione a titolo oneroso di aziende possedute da più di cinque anni.
La risposta
Secondo l’Agenzia, in considerazione del fatto che il soggetto che ha ceduto l’azienda l’aveva acquisita «in continuità», a norma dell’articolo 58 del Tuir, nel computo del periodo di possesso assume rilevanza (oltre al periodo di possesso maturato in capo al cedente stesso) anche il periodo durante il quale l’azienda era stata posseduta dal donante. Secondo l’Agenzia, infatti, «la continuità dei valori aziendali e la previsione espressa contenuta nell’articolo 58, comma 1, del Tuir, che l’atto non costituisce realizzo di plusvalenza, portano a ritenere che la successione mortis causa e la donazione, sussistendo le condizioni previste dalla norma, non costituiscono operazioni idonee a generare materia imponibile né accadimenti suscettibili di essere considerati interruttivi della continuità aziendale e, quindi, anche del conteggio del periodo di possesso dell’azienda da parte del nuovo titolare dell’azienda» stessa, e cioè del donatario.
Nel caso esaminato, pertanto, dato che il donante aveva esercitato un ramo dell’azienda donata fin dal 1988 e un altro ramo fin dal 1999, l’Agenzia ha ritenuto che ricorresse il requisito temporale di possesso ultraquinquennale dell’azienda utile al fine dell’esercitabilità dell’opzione per la tassazione separata ai sensi dell’articolo 17, comma 1, lettera g) del Tuir: in altri termini, il soggetto che cede l’azienda può scegliere tra la tassazione ordinaria della plusvalenza (in un unico esercizio, in quanto la rateazione non è consentita nel caso, come quello in commento, nel quale il cedente, alienando l’azienda, perde la qualità di imprenditore) e la tassazione separata.
L’impresa familiare
Nell’emettere questo parere, l’Agenzia si è pure soffermata sull’imputazione della plusvalenza nel caso in cui l’azienda ceduta fosse condotta, come accadeva nel caso esaminato, nella forma dell’impresa familiare. Al riguardo l’Agenzia ha affermato che la plusvalenza è imputabile interamente all’imprenditore (in quanto l’impresa familiare è un’impresa individuale e non collettiva), con la conseguenza di essere fiscalmente irrilevante per i collaboratori familiari.
Nell’impresa familiare, infatti, il reddito dell’impresa è dichiarato nel suo complessivo ammontare dall’imprenditore, quale unico titolare dell’impresa, il quale può imputare parte del suo reddito ai familiari partecipi dell’impresa per un ammontare non superiore al 49 per cento. Questi redditi imputati ai familiari non sono configurabili come costi nella determinazione del reddito dell’impresa ma come una ripartizione dell’utile dell’impresa stessa.

Print Friendly

Condividi su

Potrebbe interessarti anche
Oggi sulla stampa

Sarà un’altra estate con la gatta Mps da pelare. Secondo più interlocutori, l’Unicredit di And...

Oggi sulla stampa

Oggi sulla stampa

«La sentenza dice che non è possibile fare discriminazioni e che chi gestisce un sistema operativo...

Oggi sulla stampa

Oggi sulla stampa

Un nuovo “contratto di rioccupazione” con sgravi contributivi totali di sei mesi per i datori di...

Oggi sulla stampa