Siete qui: Oggi sulla stampa
Oggi sulla stampa

Auto, le vendite peggiori da 23 anni

Mai così male da 23 anni. Dal 1990, da quando esiste una statistica storica sul mercato dell’auto, in Europa non si è mai registrato un tonfo del genere del comparto. In tutto il resto del mondo il mercato continua a crescere. Nella Ue, secondo i dati dell’Acea, l’associazione dei costruttori, nei primi otto mesi dell’anno si registra un calo del 5,2 per cento con 7.841.596 veicoli immatricolati. La solita Gran Bretagna in controtendenza con un più 10,44 per cento.
La crescita di luglio, 4,9 per cento, è stata praticamente annullata dal calo di agosto: un contraccolpo immediato, di pari entità. E chi si era illuso si deve ricredere, nessuna ripresa. «Una doccia scozzese», la definisce il centro studi Promotor. Che aggiunge: «La contrazione nella Unione Europea è dovuta esclusivamente alla “zona euro”, dove nel periodo gennaio-agosto si accusa un calo dell’8,5 per cento, mentre nei Paesi che non adottano la moneta unica si registrauna crescita del 5,4 per cento. Colpa degli effetti recessivi sull’economia delle politiche di austerity». L’Italia occupa le posizioni basse in classifica: a luglio era il fanalino di coda, l’unico Paese con un meno davanti (—1,6%). Ad agosto il ribasso ha riguardato i principali mercati. Solo la Gran Bretagna ha guadagnato il 10,9 per cento, mentre la Germania ha ceduto il 5,5 per cento, l’Italia il 6,6 per cento. Almeno la consolazione di non essere l’ultimo in classifica: hanno fatto peggio la Francia (—10,5%) e la Spagna (—18,3%). In totale nell’Ue ad agosto sono state vendute 653.872 vetture nuove.
Fiat punta il dito sul «mercato italiano più sfavorevole rispetto a quello europeo» per i segni meno di luglio e agosto. I marchi del Lingotto nei due mesi estivi hanno segnato il meno 4,9 per cento in agosto (36 mila immatricolazioni) e il meno 1,1 a luglio (62.500 auto vendute). Da gennaio ad agosto le immatricolazioni di Fiat sono state quasi 508 mila con una quota di mercato pari al 6,2 per cento. Un anno fa era al 6,5 per cento. Il Lingotto è calato del 4,9 per cento rispetto ad un anno fa, a luglio la flessione era stata dell’1,1 per cento. Negli otto mesi ha perso l’8,9 per cento. Il marchio Fiat in agostoha perso meno del mercato (— 0,7%), il calo sugli otto mesi è del 2,1 per cento e la 500 e la Panda si confermano le vetture migliori del segmento A. Jeep segna un meno 8,1 per cento. Tonfo per Lancia (—13,6%) e per Alfa Romeo (—25,1%) con 3 mila veicoli immatricolate in Europa. «L’economia reale, di cui il mercato auto è la principale cartina di tornasole, non mente: l’Italia arranca — dice Filippo Pavan Bernacchi, presidente di Federauto — attendiamo un gesto concreto di attenzione da parte del governo per uscire da questa situazione».
Print Friendly

Condividi su

Potrebbe interessarti anche
Oggi sulla stampa

L’anno del Covid si porta via, oltre ai tanti morti, 150 miliardi di Pil. Ma oggi si può dire che...

Oggi sulla stampa

Oggi sulla stampa

Forte crescita dell’attività di private equity nei primi due mesi dell’anno. Secondo il dodices...

Oggi sulla stampa

Oggi sulla stampa

Goldman Sachs ha riavviato il suo trading desk di criptovalute e inizierà a trattare futures su bit...

Oggi sulla stampa