Siete qui: Oggi sulla stampa
Oggi sulla stampa

Auto, il mercato torna all’84

Se ad agosto era andata male, settembre si è chiuso peggio. Con un -25,7%, le vendite di auto nuove hanno accusato il decimo calo consecutivo a due cifre. Rispetto a un anno fa sono state vendute quasi 38 mila auto in meno (109.178 contro le 142.021 del settembre 2011, che già era stata un’annata pessima). Nel consuntivo dei primi nove mesi la flessione si ridimensiona, si fa per dire, al 20,46%, attestandosi a 1,090 milioni di vetture, contro 1,371 milioni dello scorso anno. E a conferma della crisi che morde l’intero settore, non va meglio nemmeno per l’usato: anche i trasferimenti di proprietà, secondo i dati diffusi dal ministero dei Trasporti, sono scesi a poco più di 309 mila (-17,75% rispetto al settembre di un anno fa).
Per l’Anfia questi volumi ci riportano ai livelli del settembre 1978. «Giocano ancora una volta a sfavore di una ripresa, o perlomeno di una stabilizzazione del mercato, sia il rialzo generalizzato dei prezzi di tutti i carburanti, sia l’incertezza sulla futura disponibilità di spesa dei consumatori».
Difficoltà finanziarie e preoccupazioni per il futuro. «Rispetto ai livelli ante-crisi la domanda è scesa del 42% — rileva Gian Primo Quagliano del Centro studi Promotor — una situazione che trova giustificazione nel fatto che i consumatori hanno ridotto la loro propensione all’acquisto di auto e di altri beni di consumo durevoli in misura molto superiore alla contrazione delle risorse a loro disposizione, per il forte impatto psicologico delle difficoltà finanziarie e per le connesse preoccupazioni per il futuro». Jacques Bousquet, numero uno dell’associazione delle case estere (Unrae), rincara la dose denunciando l’effetto di «demotorizzazione» in corso sotto il peso delle tasse: «Le famiglie italiane stanno gradualmente radiando la propria auto senza acquistarne una nuova: il parco circolante dei privati, nei primi sei mesi di quest’anno, si è ridotto di 60 mila unità».
In questo scenario, Panda, Punto e 500 risultano le auto più vendute. Il gruppo Fiat ha registrato a settembre una quota del 30,3%, «in crescita di 0,6 punti percentuali rispetto all’anno scorso — precisa una nota del Lingotto —. Complessivamente si tratta però del peggior risultato ottenuto in settembre dal 1984». E in un mercato ormai costantemente in «rosso», gli unici marchi in controtendenza sono la coreana Kia (+12,21%) e la Land Rover (+35,11%).
Intanto, i dati su scala mondiale stanno marciando verso un nuovo record: le stime indicano per fine anno il superamento di 60 milioni di nuove auto vendute.

Print Friendly

Condividi su

Potrebbe interessarti anche
Oggi sulla stampa

«È cruciale evitare di ritirare le politiche di sostegno prematuramente, sia sul fronte monetario ...

Oggi sulla stampa

Oggi sulla stampa

Dopo aver fatto un po’ melina nella propria metà campo, il patron del gruppo Acs, nonché preside...

Oggi sulla stampa

Oggi sulla stampa

Una forte ripresa dell’economia tra giugno e luglio. È su questo che scommette il governo: uscire...

Oggi sulla stampa