Siete qui: Oggi sulla stampa
Oggi sulla stampa

Authority, sanzioni in calo

Riduzione delle sanzioni delle Autorità di vigilanza, telecomunicazioni “maglia nera”, ruolo chiave di internet, consumatori sempre più consapevoli dei propri diritti. A grandi linee sono questi gli aspetti più significativi che emergono dal terzo Osservatorio sui consumatori, realizzato da I-Com (Istituto per la competitività) che sarà presentato domani a Roma nell’ambito del convegno «Fast Track – L’innovazione al servizio dei consumatori».
Il rapporto dell’Istituto – think tank di studiosi, professionisti e manager che indaga potenzialità e zone critiche del sistema Paese sotto più angolazioni, tra le quali appunto il consumerismo – segnala una discesa del valore delle sanzioni irrogate alle aziende dalle Authority analizzate: Agcm (Antitrust), Garante della Privacy, Agcom (Comunicazioni) e Aeeg (Energia elettrica, gas e sistema idrico). Nel 2013 si sono attestate su un totale di 12,8 milioni di euro, confermando un trend già in atto: nel triennio 2011-2013 il calo degli importi è del 35% per l’Agcom, del 52% per l’Agcm e del -71% dell’Aeeg; segno meno, nel triennio, anche del numero delle sanzioni, salvo per il Garante della Privacy che ha quasi quadruplicato i volumi e raddoppiato i valori. Tra le condotte più sanzionate, ci sono, per l’Antitrust, la divulgazione di info scorrette sulle caratteristiche del prodotto e, per il Garante, l’utilizzo indebito dei dati di telefonia e la conservazione illecita dei dati personali.
«La continua contrazione dei valori – osserva Stefano Da Empoli, presidente di I-Com – può avere più di una spiegazione: una diversa policy delle singole Authority; il perdurare della crisi economica con una riduzione delle occasioni di contatto e quindi dei comportamenti lesivi nei confronti dei consumatori; la possibilità che le precedenti pratiche sanzionatorie abbiano funzionato da deterrente, incentivando la imprese a comportamenti più virtuosi. Quanto invece alla crescita delle sanzioni nell’ambito privacy e soprattutto nel settore delle Tlc, si lega al moltiplicarsi delle modalità di comunicazione: oggi abbracciano telefonia mobile e fissa, internet, email arrivando fino ai social network».
Non poco però ha anche giocato l’evoluzione del consumatore: secondo l’Osservatorio la maggior parte degli importi sanzionati (oltre 6,5 milioni di euro) proviene da segnalazioni fatte alle Authority dall’utenza. A favorire questo ruolo attivo è anche la diffusione di strumenti innovativi messi a disposizione dal web (moduli compilabili online, servizi clienti, disponibilità di informazioni).
Quanto ai settori considerati, sono il commercio e le telecomunicazioni a mettersi in evidenza con rispettivamente il 26% e il 47% in termini di condotte sanzionate (su un totale di 422) e il 34 e il 26% in termini di importi sanzionati. Del resto più Autorità possono intervenire sullo stesso settore e sulle tlc si concentra l’attenzione di ben tre organi vigilanti (Agcom, Garante Privacy e Antitrust).
Infine l’origine delle sanzioni: oltre la metà del valore (quasi 7 milioni di euro) arriva dall’Antitrust, seguita dal Garante e dall’Agcom (entrambe sui 2,2 milioni di euro) e dall’Aeeg (1,6 milioni). Per numero è invece il Garante privacy a predominare, anche per il bassi importi medi delle sanzioni (si va dai 4.800 euro nei trasporti e turismo fino a 60mila nella finanza). Più alte le sanzioni medie comminate dalle altre Autorità: il massimo per due condotte sanzionate dall’Antitrust nel settore dell’energia per un valore medio di 175mila euro.

Print Friendly

Condividi su

Potrebbe interessarti anche
Oggi sulla stampa

Un voluminoso dossier, quasi 100 pagine, per l’offerta sull’88% di Aspi. Il documento verrà ana...

Oggi sulla stampa

Oggi sulla stampa

La ripresa dell’economia americana è così vigorosa che resuscita una paura quasi dimenticata: l...

Oggi sulla stampa

Oggi sulla stampa

Ancora prima che l’offerta di Cdp e dei fondi per l’88% di Autostrade per l’Italia arrivi sul ...

Oggi sulla stampa