Siete qui: Oggi sulla stampa
Oggi sulla stampa

Aumento da 13 miliardi, 6.500 esuberi. La Borsa premia il rilancio di Mustier

Con un boom del titolo del 15,92% la Borsa ha detto sì al maxi aumento di capitale di Unicredit. Una richiesta di denaro al mercato per 13 miliardi — il più grande mai varato in Italia — proposta dal nuovo amministratore delegato Jean Pierre Mustier per «trasformare» in tre anni l’istituto e farlo diventare una delle migliori banche globali come patrimonio (al 12,5%). Nello stesso tempo Unicredit si semplificherà come modello di business in una vera banca commerciale paneuropea, la seconda dopo Bnp Paribas, presente in Italia, Germania, Austria e Centro-Est Europa, e con il 52% dei ricavi fuori dall’Italia.

Dopo cinque mesi alla guida, Mustier mostra così di aver pienamente in mano le redini del gruppo. Cambierà anche la governance: nel 2018 il board scenderà da 17 a 15 membri, con un solo vicepresidente dagli attuali tre, ha detto Mustier durante la presentazione-fiume a Londra, durata sette ore. L’aumento partirà nel primo trimestre del 2017 e questo fa sì che sull’operazione «non avrà impatti da Mps, che si risolverà entro l’anno», ha detto Mustier. E il direttore generale Gianni Papa ha sottolineato che non sono previste operazioni di m&a. Unicredit affronterà costi per 1,7 miliardi tagliando 6.500 dipendenti (arrivando così a 14 mila esuberi contando il piano 2015-2018), di cui nuovi 3.900 in Italia che si aggiungono ai 5.700 del vecchio piano (e in gran parte già usciti). Una cifra che ha allarmato i sindacati, con la Fabi che accetterà solo uscite volontarie e la Uilca che chiede le dimissioni di consiglieri e manager che hanno avallato i precedenti piani.

Le filiali saranno ridotte in particolare in Italia, circa 883 (dalle 3.283 attuali) su 944 totali previste dal piano, spingendo sulla digitalizzazione. Dal canto suo Mustier si è tagliato la parte fissa dello stipendio del 40% portandolo a 1,2 milioni, ha rinunciato alla buonuscita e ai bonus per l’intero piano e investirà 2 milioni di euro in azioni. Gli obiettivi sono «credibili», ha spiegato il banchiere «perché si basano su previsioni conservative» di crescita del Pil e dei tassi di interesse. L’utile netto al 2019 è previsto in 4,7 miliardi, con un rendimento (RoTe) superiore al 9% dall’attuale 4%. Dal 2018 tornerà anche il dividendo in contanti tra il 20-50% degli utili. Quest’anno invece la banca chiuderà «in perdita» a causa di oltre 12 miliardi di poste straordinarie, tra cui 8,1 miliardi di rettifiche sui crediti e 4 di svalutazioni varie tra cui la turca Yapi Kredi e il fondo Atlante. La pulizia sui crediti (progetto Fino) è funzionale alla cessione — con cartolarizzazione — di 17,7 miliardi di sofferenze (npl) a Fortress e Pimco, magari anche con il ricorso alla garanzia dello Stato (Gacs). A fine piano i crediti deteriorati lordi scenderanno al 5% del totale. Il prezzo non è noto ma, ha detto Mustier, si tratta di crediti molto vecchi, l’80% dei quali risalenti a prima del 2010 e ancora eredità di Capitalia, e che quindi il prezzo «non è significativo» circa il valore delle sofferenze delle banche italiane. Anzi, ha rivendicato, «la nostra vendita di 17,7 miliardi di npl in una notte è una notizia positiva: gli investitori internazionali sono interessati ad operare in Italia». Comunque Unicredit non prevede altre pulizie di bilancio.

Fabrizio Massaro

Print Friendly

Condividi su

Potrebbe interessarti anche
Oggi sulla stampa

L’esordio di Andrea Orcel come ad di Unicredit, uscita con un utile trimestrale doppio rispetto al...

Oggi sulla stampa

Oggi sulla stampa

Vittorio Colao, ministro per l’Innovazione tecnologica, non fa suo il progetto per una rete unica ...

Oggi sulla stampa

Oggi sulla stampa

Un blitz della Ragioneria generale dello Stato evita un "buco" di 24 miliardi nel decreto "Sostegni ...

Oggi sulla stampa