Siete qui: Oggi sulla stampa
Oggi sulla stampa

Aumenti di 40 euro al mese. Le offerte banca per banca

Rispetto all’estate scorsa chi avvia le pratiche per un finanziamento ventennale da 120mila euro su una casa da 200mila oggi paga in media 24 centesimi di più a tasso fisso (+13 euro al mese) e 14 centesimi (+ 8 euro) a tasso variabile, ma guardando alle condizioni praticate dai singoli istituti si possono constatare aumenti fino a 72 centesimi di punto, equivalenti a quasi 40 euro al mese di maggior esborso.

È quanto si può ricavare confrontando i dati della rilevazione che L’Economia del Corriere aveva condotto il 13 luglio scorso su un mutuo campione di durata ventennale da 120mila euro per una casa da 200mila, con le condizioni in vigore al momento di andare in stampa per questo numero. Come facciamo abitualmente abbiamo considerato le dieci banche più convenienti al momento: a tasso fisso risultano da allora aumenti per otto istituti, sette per il variabile.

L’incremento per i fissi è più elevato per due motivi: il primo è che l’Eurirs a venti anni da allora ha registrato un lieve aumento (1,41% il 13 luglio, 1,46% il 15 novembre) mentre l’Euribor è rimasto invariato. Il secondo è che gli spread applicati dalle banche sui tassi fissi sono più bassi e quindi più facilmente aumentabili.

Il record dell’incremento spetta per i tassi fissi a Banca Sella, che a luglio però offriva un prodotto a condizioni promozionali mentre a tasso variabile Cariparma fa segnare +0,49%. Il dato più interessante è però il comportamento dei due maggiori gruppi bancari italiani: Intesa Sanpaolo ha aumentato di 43 centesimi sul fisso lasciando pressoché invariato il variabile (c’è stato solo un lieve ritocco sulle durate brevi), mentre Unicredit ha fatto salire di 41 centesimi il tasso fisso e di 31 il variabile. Rispetto a luglio per la verità si registra anche una lieve diminuzione, 6 centesimi sul fisso di Credem, si tratta però di un mutuo a tasso promozionale in scadenza a fine anno e valido solo per operazioni fatte a distanza.

Print Friendly

Condividi su

Potrebbe interessarti anche
Oggi sulla stampa

Maximo Ibarra ha rassegnato le sue dimissioni da Sky Italia per diventare amministratore delegato e ...

Oggi sulla stampa

Oggi sulla stampa

Non cede all’ottimismo il ministro dell’Economia Daniele Franco che punta l’indice sui due pun...

Oggi sulla stampa

Oggi sulla stampa

In punta di diritto: la contrarietà a un giudicato nazionale, nel contesto del giudizio di ottemper...

Oggi sulla stampa