Siete qui: Oggi sulla stampa
Oggi sulla stampa

Aumentano i fallimenti

L’attesa svolta congiunturale non è arrivata e così continua a crescere il numero delle aziende italiane che chiudono i battenti. Secondo l’ultimo report del Cerved, tra luglio e settembre è toccato a ben 3 mila imprese avviare una procedura fallimentare, mentre il dato relativo ai primi nove mesi dell’anno ammonta a oltre 11 mila.

Il confronto con il 2013 indica un progresso del 12% nel periodo gennaio-settembre e del 14,1% relativamente al solo terzo trimestre. Dunque la situazione tende a peggiorare: le imprese che finora avevano resistito alla lunga crisi, cercando di tagliare fin dove possibile i costi, gettano la spugna. Gianandrea De Bernardis, amministratore delegato di Cerved, ricorda che si tratta di un record negativo: «Per la prima volta dall’inizio della serie storica viene superata quota 10 mila già a settembre. Né vi sono prospettive di un cambio di passo a breve: senza un’inversione di tendenza del quadro macroeconomico, è un processo destinato a proseguire anche nei prossimi trimestri». Il fenomeno aumenta su tutto il territorio nazionale con tassi a due cifre, compresi tra il 13% e 14%, a eccezione del Nordest, dove l’incremento nei primi nove mesi è limitato al 4,4% rispetto allo stesso periodo del 2013.

La situazione è difficile per tutte le aziende, anche se a uscire dal mercato sono soprattutto le pmi, strutturalmente più fragili dal punto di vista patrimoniale e meno orientate all’export.

In particolare, dal 2007 alla prima metà del 2014, un quarto delle piccole e medie imprese campane, pugliesi e marchigiane è stato interessato da liquidazioni volontarie o da procedure concorsuali. All’opposto, Valle d’Aosta e Trentino Alto Adige risultano le regioni meno colpite dal fenomeno, con quote intorno al 13%.

Dal punto di vista settoriale, a soffrire è soprattutto il comparto dei servizi, con 5.700 fallimenti tra gennaio e settembre (+16,2% rispetto a un anno prima), mentre l’industria limita i danni (+3,5%).

Un dato positivo arriva dalle liquidazioni, che calano leggermente nel terzo trimestre (14.500 con una contrazione dello 0,2% sul medesimo periodo dello scorso anno). «Da questo fronte arriva un segnale di migliorata fiducia, se si considera che a chiudere volontariamente la propria azienda sono soprattutto imprenditori con basse attese di profitto», aggiunge De Bernardis.

Tra luglio e settembre scendono con decisione le domande di concordato in bianco (-29%, a quota 500), ma in questo caso la variazione è legata alle modifiche di legge che hanno introdotto la facoltà per i tribunali di nominare un commissario giudiziale a monitoraggio della condotta del debitore. Nel complesso, le procedure concorsuali diverse dai fallimenti sono 2,1 mila, il 13% in meno dello scorso anno.

Print Friendly

Condividi su

Potrebbe interessarti anche
Oggi sulla stampa

Quota 100 non è solo la misura pensionistica del governo Conte 1. È anche il numero di miliardi ch...

Oggi sulla stampa

Oggi sulla stampa

Dieci giorni per tener fede agli accordi del 14 luglio. Se entro il 10 ottobre non si chiuderà la p...

Oggi sulla stampa

Oggi sulla stampa

La Bce potrebbe far cadere il suo tabù più grande: consentire all’inflazione di salire temporane...

Oggi sulla stampa