Siete qui: Oggi sulla stampa
Oggi sulla stampa

Aumentano i casi di denunce dei whistleblower

Negli Stati Uniti aumentano le soffiate fiscali. Nel 2018, l’Irs (Internal revenue service), ossia l’Agenzia delle entrate a stelle e strisce, ha distribuito 217 premi, per un totale di 312 milioni di dollari, a centinaia di nuovi whistleblower, gli informatori che permettono alle autorità di conoscere comportamenti illegali ed elusivi. E il numero di denunce recepite e di reclami al Fisco Usa aumentano ogni anno, in media, del 15-20%. Lo riporta il portale FiscoOggi, la rivista online dell’Agenzia delle Entrate.L’importo totale del premio, 312 milioni di dollari, rappresenta il 21,7% degli importi complessivi raccolti, pari a quasi 1,5 miliardi di dollari, incassati dall’Irs grazie alle denunce ricevute e trasferiti sul fondo ad hoc riservato alle somme derivanti dal recupero delle frodi. Nel caso in cui le informazioni soddisfino le condizioni richieste dalle autorità (i.e. siano firmate e presentate sotto pena di spergiuro e siano collegate a un’azione in cui i proventi oggetto di controversia superino i 2 milioni di dollari) allo «spione» fiscale spetterà un premio di almeno il 15% (ma non più del 30%) del ricavato ottenuto grazie alla tempestiva azione amministrativa/giudiziale. L’Agenzia delle entrate, però, corrisponderà tale premio solo al momento della riscossione effettiva dei proventi nascosti al Fisco, e quindi solo quando il contribuente elusivo (o presunto tale) non potrà più difendersi giudizialmente perchè la causa è divenuta definitiva. Tempo non proprio velocissimo: si stima, infatti, che dal momento della denuncia fino all’effettivo recepimento della somma generalmente trascorrono (almeno) sette-otto anni.

Vincenzo Morena

Print Friendly

Condividi su

Potrebbe interessarti anche
Oggi sulla stampa

Dopo l’approvazione delle regole tecniche, prosegue l’impegno del Cndcec sugli obblighi antirici...

Oggi sulla stampa

Oggi sulla stampa

Facebook ha rimosso 2,2 miliardi di account falsi nel primo trimestre. «Abbiamo rimosso un numero s...

Oggi sulla stampa

Oggi sulla stampa

A Canary Wharf, la ex zona del porto fluviale di Londra negli anni 80 convertita nel quartier genera...

Oggi sulla stampa