Siete qui: Oggi sulla stampa
Oggi sulla stampa

Attività giudiziaria in via digitale prorogata sino al 31 luglio

Proroga al 31 luglio delle misure che permettono lo svolgimento di tutta l’attività giudiziaria, compreso il tributario, anche in forma telematica; accoglimento delle richieste dei penalisti sulle conseguenze delle disfunzioni del portale digitale del ministero della Giustizia; modifiche alla disciplina del concorso per l’accesso in magistratura e per lo svolgimento delle elezioni degli ordini professionali. Nutrito il pacchetto sul fronte della Giustizia inserito nello schema di decreto legge approvato ieri sera dal Consiglio dei ministri.

Quanto allo svolgimento delle udienze, lo schema di decreto allunga fino al 31 luglio, svincolandola dall’aggancio allo stato di emergenza, la possibilità di svolgimento delle udienze attraverso videoconferenza e il deposito digitale degli atti sia nel civile sia nel penale . In particolare, nel penale, si prevede che il cattivo funzionamento del portale del processo penale telematico, più volte segnalato in queste settimane dalle Camere penali che hanno anche proclamato astensione dalle udienze in segno di protesta, è attestato dal direttore generale per i servizi informativi automatizzati, segnalato sul portale dei servizi telematici del ministero della Giustizia e costituisce caso di forza maggiore sulla base dell’articolo 175 del Codice di procedura penale, consentendo in questo modo la rimessione in termini. In questi casi, fino alla riattivazione dei sistemi, l’autorità giudiziaria può autorizzare il deposito di singoli atti e documenti in formato cartaceo.

Viene introdotta una norma che chiarisce espressamente che il deposito è tempestivo quando è eseguito entro le ore 24 del giorno di scadenza del termine, anche per rendere incontestabile il funzionamento e la validità del deposito, in termini legali. Con riferimento alla fase di conclusione delle indagini preliminari, in particolare alla possibilità per l’indagato di presentare memorie, è chiarito che il deposito telematico è consentito 24 ore su 24 per evitare che eventuali disfunzioni tecnologiche possano ostacolare o rendere difficile il diritto di difesa .

Cinque mesi in più di tempo, per tutti gli ordini professionali, che non hanno potuto procedere al rinnovo degli organismi per effetto della pandemia, per attrezzarsi a svolgere le consultazioni in via digitale.

Il concorso per magistratura si svolgerà su due prove scritte anziché tre, procedendo con sorteggio e l’accesso ai locali sarà condizionato alla presentazione di dichiarazione sostitutiva che attesti il mancato rischio Covid. Approvato infine ieri al Senato in prima lettura il decreto legge sull’esame forense con la novità per cui il candidato potrà scegliere, tra le materie facoltative oggetto della seconda prova orale, diritto civile e diritto penale, anche qualora le materie stesse siano già state scelte per la prima prova orale.

Print Friendly, PDF & Email

Condividi su

Potrebbe interessarti anche
Oggi sulla stampa

La Bce si libera le mani per tenere i tassi ai minimi ancora a lungo, nella sfida decennale per cen...

Oggi sulla stampa

Oggi sulla stampa

Vivendi fa un passo indietro in Mediaset, e Fininvest uno in avanti nel capitale di Cologno monzese...

Oggi sulla stampa

Oggi sulla stampa

La riforma fiscale partirà con il taglio del cuneo, cioè la differenza tra il costo del lavoro e ...

Oggi sulla stampa