Siete qui: Oggi sulla stampa
Oggi sulla stampa

Atti, autenticazione retroattiva

Potere di autenticazione degli atti, da parte del difensore, esteso anche ai procedimenti instaurati prima del 30 giugno 2014 (data di entrata in vigore del processo civile telematico). Adeguamenti del contributo unificato anche per i procedimenti instaurati presso uffici non interessati dal pct. Resta in capo alle cancellerie l’attività di rilascio della copia in forma esecutiva. Sono queste alcune delle principali novità contenute nella circolare della direzione generale della giustizia civile del 28 ottobre 2014, recante «Adempimenti di cancelleria conseguenti all’entrata in vigore degli obblighi di cui agli artt. 16-bis e segg. dl 179/2012 e 90/2014», che ha integrato quella del 27 giugno 2014, sulla base dei quesiti formulati dagli uffici giudiziari e da quanto emerso nel corso degli ultimi mesi dal tavolo tecnico permanente in materia di processo civile telematico.

Pagamento del contributo unificato con marca da bollo. La nuova circolare di via Arenula aggiunge quattro nuovi punti (dal 14 al 17) a quella del 27 giugno scorso. Il primo riguarda il pagamento del contributo unificato con marca da bollo, «dato che», si legge nella circolare, «a seguito dell’entrata in vigore delle disposizioni in tema di esclusività del deposito telematico nei procedimenti di cui al libro IV, titolo I, capo I del cpc, si è evidenziata la problematica connessa alle modalità con le quali gli uffici giudiziari devono provvedere all’annullamento delle marche da bollo utilizzate dalla parte che instaura un procedimento per l’assolvimento del contributo unificato». Sul punto, la Direzione generale della giustizia civile, ritiene condivisibile la prassi di invitare il procuratore della parte, che abbia assolto il contributo unificato mediante acquisto dell’apposita marca da bollo, e che abbia provveduto alla scansione della marca stessa ai fini del suo inserimento nel fascicolo informatico, a recarsi presso l’Ufficio giudiziario in modo da consentirne l’annullamento.

 

Autenticazione degli atti. Il secondo punto trattato dalla circolare riguarda il potere di autenticazione, da parte del difensore, degli atti contenuti nel fascicolo informatico. L’art. 52 del dl 90/2014 ha, infatti, introdotto il comma 9-bis dell’art. 16-bis del dl n. 179/2012, attribuendo, al difensore, al consulente tecnico, al professionista delegato, al curatore ed al commissario giudiziale la facoltà di «estrarre con modalità telematiche duplicati, copie analogiche o informatiche degli atti e dei provvedimenti» contenuti nel fascicolo informatico, ed il potere di «attestare la conformità delle copie estratte ai corrispondenti atti contenuti nel fascicolo informatico». Alcuni uffici, però, hanno dubitato che la norma fosse da applicare anche agli atti e documenti contenuti in fascicoli relativi a procedimenti instaurati prima dell’entrata in vigore della norma stessa, o comunque prodotti e/o depositati in epoca anteriore. Secondo via Arenula, invece, «è da ritenersi che il potere di autentica si estenda a tutti gli atti contenuti nei fascicoli informatici, indipendentemente dalla data di instaurazione del procedimento o di deposito del singolo atto o documento».

 

Applicabilità degli adeguamenti del contributo unificato. Una ulteriore questione è stata sollevata riguardo all’applicabilità degli adeguamenti del contributo unificato presso uffici, come quelli del giudice di pace, attualmente non interessati dal pct. Secondo la circolare, invece, non è consentita alcuna distinzione circa l’applicabilità degli adeguamenti.

 

Rilascio della formula esecutiva. Infine, l’ultima questione riguarda il rilascio della formula esecutiva su copia estratta dal difensore, se cioè la cancelleria debba proseguire a osservare le consuete modalità di rilascio di copia esecutiva, provvedendo essa stessa, su richiesta di parte, all’estrazione della copia stessa, alla sua certificazione di conformità all’originale con contestuale spedizione in forma esecutiva, o, se, piuttosto sia possibile, per il difensore, provvedere in autonomia all’estrazione di copia ed alla sua autenticazione. Secondo la direzione generale questa ultima modalità operativa è da escludere.

Print Friendly

Condividi su

Potrebbe interessarti anche
Oggi sulla stampa

Un voluminoso dossier, quasi 100 pagine, per l’offerta sull’88% di Aspi. Il documento verrà ana...

Oggi sulla stampa

Oggi sulla stampa

La ripresa dell’economia americana è così vigorosa che resuscita una paura quasi dimenticata: l...

Oggi sulla stampa

Oggi sulla stampa

Ancora prima che l’offerta di Cdp e dei fondi per l’88% di Autostrade per l’Italia arrivi sul ...

Oggi sulla stampa