Siete qui: Oggi sulla stampa
Oggi sulla stampa

Atlantia, a un passo l’accordo con Cdp Concessa l’esclusiva per l’88% di Aspi

L’accordo tra i Benetton e il Governo è a un passo. Atlantia concede a Cdp un periodo di esclusiva fino al 18 ottobre: in pratica, altri cinque giorni per provare a trovare un’intesa. Il consiglio di amministrazione di Atlantia, riunito lunedì, aveva già preso atto della ripresa dei contatti con Cassa Depositi e Prestiti sul delicato tema del riassetto di Autostrade per l’Italia. E, come riferito ieri da Radiocor, ha valutato positivamente l’avvio di un nuovo confronto con l’istituzione finanziaria, con l’ottica di definire un accordo a stretto giro. Questa volta, però, l’ipotesi sul tavolo è diversa rispetto a quella studiata lo scorso settembre, ossia la scissione di una quota di Autostrade, attorno al 55%, e la vendita dell’altro 33%. In questo caso si punta alla cessione dell’88% di Aspi a Cdp e a una cordata di investitori da lei individuata.

Opzione che, come è noto, faceva parte delle soluzioni prospettate nell’accordo, mai scritto, siglato con il Governo lo scorso 14 luglio. Ipotesi, dunque, che se andasse in porto avrebbe il gradimento sia dell’esecutivo sia della società.

Perché ciò accada servirà una settimana di contatti e dialoghi intensi tra le parti ma la strada, salvo sorprese, sembrerebbe essere stata tracciata. La situazione, osservano gli addetti ai lavori, è fluida e passibile di cambiamenti repentini (come peraltro già accaduto in passato) e in generale c’è un forte invito alla prudenza visti i numerosi risvolti, anche politici, della vicenda. Tuttavia questa volta il dossier potrebbe essere vicino a una potenziale svolta, anche perché l’assemblea straordinaria di Atlantia per l’avvio del “dual track” (vendita in blocco o scissione di Aspi) è fissata per il 30 ottobre. In ragione di ciò, l’obiettivo sarebbe di lavorare intensamente a uno schema di intesa che vedrebbe Cdp rilevare, come detto con l’appoggio anche di altri investitori (e in proposito sono numerose le manifestazioni di interesse arrivate sul tavolo di Atlantia), l’88% di Autostrade in mano alla holding.

Se il perimetro dell’intesa dovesse essere definito in tempo utile la questione potrebbe arrivare sul tavolo del consiglio di amministrazione del gruppo infrastrutturale convocato per lunedì 19 ottobre. In quella sede dunque il board potrebbe porre il definitivo sigillo sulla cessione del controllo.

Nulla è scontato, ovviamente. I nodi chiave da risolvere per trovare l’accordo non sono ancora stati sciolti. In particolare, sono due le tematiche su cui permane la distanza tra i due fronti: il prezzo e la manleva. Due aspetti che in qualche misura sono però correlati.

Riguardo all’elemento della valutazione la stesura di un accordo con il ministero delle Infrastrutture sull’atto transattivo e sul piano economico finanziario certamente aiuterebbe nella definizione di una valutazione puntuale dell’asset. In ogni caso al lavoro su questo tema ci saranno i consulenti di parte. E riguardo alla manleva, tassello chiave per Cdp, potrebbe essere considerata l’ipotesi di scontare dal prezzo riconosciuto per l’88% di Aspi proprio i potenziali danni indiretti legati alla tragedia del Ponte Morandi. Tanto più che, nell’ambito di una trattativa in esclusiva, che offre la possibilità di una due diligence puntuale e di una serie di ulteriori approfondimenti, il confronto potrebbe rivelarsi più agevole e costruttivo.

Peraltro, entrambi i fronti, nonostante lo scetticismo legato all’evoluzione dell’ultimo confronto, sembrano ben disposti rispetto a questo ennesimo supplemento di trattativa.

Print Friendly

Condividi su

Potrebbe interessarti anche
Oggi sulla stampa

Come prevedevano alcuni un mese fa, allo spuntare della lista di Bluebell per il cda di Mediobanca, ...

Oggi sulla stampa

Oggi sulla stampa

Google entra nel mirino dell’Autorità antitrust italiana che, prima in Europa, ieri ha aperto un ...

Oggi sulla stampa

Oggi sulla stampa

Le imprese e i committenti non saranno lasciati soli. Anche a chiarire la posizione di alcuni player...

Oggi sulla stampa