Siete qui: Oggi sulla stampa
Oggi sulla stampa

Atlantia, pronti 2,9 mld

La controllata di Atlantia, Aspi, è pronta a staccare un assegno da 2,9 miliardi di euro per scongiurare l’ipotesi di caducazione delle concessioni autostradali legata al crollo del ponte Morandi a Genova. Un rischio che comunque, dopo la valutazione effettuata dal cda di Autostrade sulla base di pareri legali e tecnici, risulta «non ragionevolmente probabile», afferma la capogruppo. La società si mostra invece possibilista sull’eventualità di arrivare a «un accordo con il governo e il ministero delle infrastrutture e trasporti che determini la cessazione della procedura di contestazione in corso».

L’impegno economico a carico di Autostrade, in merito al quale sono ancora in corso interlocuzioni con il Mit che rispetto al passato sembrano puntare a una soluzione condivisa, si articola in più voci. Aspi si è resa prima di tutto disponibile a farsi carico di impegni economici per 1,5 miliardi da destinare a iniziative di riduzioni tariffarie per l’utenza e contribuire allo sviluppo infrastrutturale del paese per la realizzazione di progetti di potenziamento della rete autostradale. A ciò si aggiunge un incremento di 700 milioni dell’ammontare delle manutenzioni nel periodo 2019-2023. Ci sono poi i 600 milioni per la ricostruzione del viadotto sul Polcevera, di cui Salini Impregilo e Fincantieri stanno completando l’esoscheletro. A essi si aggiungeranno altri 100 milioni che Aspi è disposta a mettere a disposizione del commissario straordinario per coprire eventuali extra costi legati alla ricostruzione dell’infrastruttura. Atlantia ha quindi deciso di accantonare a bilancio 1,5 miliardi per far fronte alle misure proposte dalla controllata.

Intanto la holding ha chiuso il 2019 con un utile di pertinenza del gruppo pari a 136 milioni di euro, che si confronta con i 775 mln dell’anno precedente. Il risultato ha risentito degli accantonamenti apportati, solo in parte compensati dal maggiore contributo di Abertis. I ricavi operativi sono cresciuti del 4% a 11,63 miliardi e comprendono una maggiore fetta della controllata spagnola (4,534 miliardi, +4%). L’ebitda è ammontato a 5,727 miliardi, in miglioramento dell’1% su base omogenea pro-forma. Atlantia ha sostenuto investimenti operativi per 1,794 miliardi, in aumento di 669 milioni. L’indebitamento finanziario netto è sceso a 36,722 miliardi.

Per quanto riguarda le ripercussioni della pandemia, con la forte diminuzione del traffico aeroportuale e autostradale, sono previsti un impatto di 3 miliardi di euro e una riduzione di 2 miliardi sui flussi operativi di gruppo, a fronte di un traffico in discesa del 30% sulle dorsali autostradali e del 50% negli scali aeroportuali. Il cda proporrà ai soci di non distribuire il dividendo.

Print Friendly

Condividi su

Potrebbe interessarti anche
Oggi sulla stampa

Il colosso cinese Huawei non compare nella lista dei fornitori ammessi alla gara indetta da Tim e pa...

Oggi sulla stampa

Oggi sulla stampa

Tutti sulla nuvola a caccia dell’oro del secolo: i dati. Come custodirli, in sicurezza. E scambiar...

Oggi sulla stampa

Oggi sulla stampa

Rinvio al 30 settembre del termine per l'approvazione dei bilanci di previsione 2020-2022 e della sa...

Oggi sulla stampa