Siete qui: Oggi sulla stampa
Oggi sulla stampa

Atlante 2 e il negoziato con le «casse»

Il fondo Atlante, dopo le operazioni di salvataggio della Vicentina e di Veneto Banca ha bisogno di nuovi capitali. Non solo per eventuali ricapitalizzazioni che si rendessero necessarie, ma anche per affrontare l’altra mission del fondo: l’acquisto di crediti deteriorati dal sistema bancario. Secondo quanto ha scritto ieri il Messaggero , Quaestio, la sgr a monte del fondo Atlante, avrebbe chiesto ai 67 istituti di credito sottoscrittori del fondo di versare altri 855 milioni (oltre i 4,25 miliardi già corrisposti) per coprire l’aumento di Veneto Banca. Nel frattempo il governo sta accentuando il pressing sulle 15 casse di previdenza dei professionisti (avvocati, notai, giornalisti, medici, ecc.) affinché svolgano un ruolo importante nel cosiddetto Atlante 2, che dovrebbe occuparsi dei non performing loans. Il Fatto quotidiano ha scritto di un incontro riservato tra il sottosegretario alla presidenza del Consiglio, Tommaso Nannicini, e i vertici delle casse, dove sarebbe stato chiesto ai fondi previdenziali di impegnarsi per 4 miliardi. Gli interessati, interpellati, smentiscono l’incontro. Ma il punto è che, come già aveva scritto il Corriere il 28 maggio, l’esecutivo sta facendo, come dicono le casse, moral suasion per far affluire risorse ad Atlante, allettandole con rendimenti del 5-6%. Solo che nel mondo delle casse, finora, prevale la contrarietà. Tre gli argomenti che vengono opposti. Primo: per la Commissione europea Atlante deve essere finanziato da soggetti privati e le casse, secondo la legge, figurano nell’elenco delle pubbliche amministrazioni. Secondo: l’investimento in Atlante appare troppo rischioso e volatile rispetto al profilo prudenziale che devono rispettare gli investimenti previdenziali. Terzo: se proprio devono investire in npl, le casse vorrebbero valutarlo autonomamente e non essere obbligate al rapporto di intermediazione di Atlante, a meno di adeguate garanzie. La partita insomma è aperta. Il governo ha fretta e dispone anche di buone armi di pressione vista la situazione pesante di alcune casse. Ma non di strumenti coercitivi.

Enrico Marro

Print Friendly, PDF & Email

Condividi su

Potrebbe interessarti anche
Oggi sulla stampa

Il testo è sul tavolo del premier, Mario Draghi, che ora dovrà decidere se dargli la forma di dec...

Oggi sulla stampa

Oggi sulla stampa

Il consiglio di Generali si divide sulla lista del cda e e intanto gli acquisti in Borsa dei soci c...

Oggi sulla stampa

Oggi sulla stampa

La delega fiscale nello stesso consiglio dei ministri che darà il via libera domani alla Nadef: è...

Oggi sulla stampa