Siete qui: Oggi sulla stampa
Oggi sulla stampa

Atene,testa a testa nei sondaggi tra “sì” e “no”, scontro Tsipras-Samaras

«Il cuore dice no. La testa dice sì». Dimitris Stratopholus, manager di 43 anni, riassume così i dubbi di tutti i greci a due giorni dal referendum decisivo per il futuro del paese e – con buona pace di Wolfgang Schaeuble – di tutta l’Europa. Il governo ha stampato le schede e da oggi lotta contro il tempo per recapitarle nelle isole più lontane dell’Egeo e per organizzare i seggi elettorali. «Ce la faremo – ha detto il ministro dell’Interno Nikos Voutsis – E il voto in nome dell’austerity costerà solo 20 milioni ». Alexis Tsipras ostenta sicurezza: «Se il no vince bene, lunedì sono a Bruxelles e firmo un’intesa in 48 ore. E le banche riapriranno il giorno dopo», ha garantito in un’intervista tv. Stasera parlerà al popolo di Syriza davanti al Parlamento. Alla stessa ora, qualche centinaio di metri più a est verso il monte Imitto, il fronte del Sì, guidato da Antonis Samaras, si riunirà allo stadio Panathinaikos in un finale di partita al cardiopalma anche per l’ordine pubblico. «L’esercito veglia sulla stabilità della sicurezza nazionale», ha detto sibillino il ministro della Difesa Panos Kammenos.
I sondaggi danno i due fronti testa a testa. I controlli ai capitali, le file ai bancomat e la drammatica crisi di liquidità dell’economia reale hanno aiutato una timida rimonta del sì. I dati della Gpo che davano il cartello pro-euro in vantaggio 47% a 43% circolati mercoledì sera, però, sono stati sconfessati ieri dagli stessi (presunti) autori. «Non sono nostri – ha detto la società che sta lavorando per conto della banca francese Bnp – sitratta di cifre parziali estrapolate da uno studio ancora da concludere ». Le istituzioni nazionali, preoccupate della tensione con cui si arriva alle urne, hanno provato a gettare acqua sul fuoco delle polemiche: «Non lasciamo che le divisioni di queste ore ci avvelenino il cuore», ha detto l’arcivescovo Ieronimos, il leader di una chiesa ortodossa che sembra essersi schierata per il sì, rompendo la luna di miele con Alexis Tsipras. Difficile che sia ascoltato. Kyriakos Mitsotakis, uomo di punta del centrodestra di Nea Demokratia e rampollo di una delle grandi dinastie della politica ellenica, si è presentato in tv sventolando la banconota da 1 trilione di dollari della Zimbabwe, tanto per far capire come finirà, secondo lui, la Grecia di Syriza. Il governo ha costruito un sito bipartisan per il referendum che pare un volantino elettorale per il no. E il Consiglio di stato, intanto, deciderà oggi se accogliere il ricorso dell’ordine degli avvocati che chiede il ritiro della consultazione per vizi di costituzionalità.
La posta in gioco è altissima e la tensione all’interno dei due schieramenti si taglia con il coltello. Tre deputati di Anel, il partner di governo della sinistra, hanno fatto outing dicendo che voteranno sì contro le indicazione della formazione della destra nazionalista. «Siamo in guerra e chi non ha le palle per gestirla è meglio che lasci», ha commentato sobriamente il segretario Kammenos che ha espulso dal partito Costas Damavolitis, uno dei tre apostati. Lo stesso ministro della difesa si sarebbe scontrato con Tsipras nelle ultime ore rinfacciandogli l’ok ai creditori per tagliare di 400 milioni il budget dei militari. Costringendo il premier a una brusca retromarcia. Volano gli stracci anche tra le fila di Syriza e molti ieri parlavano delle dimissioni del segretario generale del governo Spyros Sagias, dopo un confronto piuttosto vivace, per usare un eufemismo, con il super- falco Varoufakis. Tema: l’opportunità di fare o meno il referendum.
La Chiesa ortodossa non è stata l’unica a voltare le spalle al presidente del Consiglio. Uno schiaffo è arrivato anche dalla Russia: «Noi non abbiamo mai invitato Atene ad entrare nel capitale della nuova Banca da 100 miliardi costituita dai paesi in via di sviluppo», ha confessato il ministro delle Finanze di Mosca Anton Siluanov, tagliando le ali a chi nella sinistra ellenica sperava di far sponda su Putin dare l’addio alla Troika.
Meglio allora concentrarsi a far funzionare un paese messo in ginocchio dalla drammatica crisi di liquidità che sta avvelenando la quotidianità delle famiglie elleniche. I trasporti pubblici sono gratuiti da giorni. Il Comune di Atene ha deciso di congelare il pagamento dei funerali. Si fanno, la municipalità ci mette tutto quanto serve per la cerimonia. E i parenti pagano solo quando la nottata sarà passata. Risollevare la Grecia dal buco nero in cui è finita negli ultimi cinque anni non sarà facile. A fine 2014 il paese sembrava in ripresa e per quest’anno si prevedeva un aumento del Pil del 2,5%. Ora la tendenza si è invertita e già si parla di un preoccupante meno 3% che avrà come unico effetto quello di rendere ancor più costoso da lunedì – qualunque sia l’esito del voto – il salvataggio.
Print Friendly

Condividi su

Potrebbe interessarti anche
Oggi sulla stampa

Primo giorno di lavoro in proprio per Francesco Canzonieri, che ha lasciato Mediobanca dopo cinque a...

Oggi sulla stampa

Oggi sulla stampa

 Un passo indietro per non sottoscrivere un accordo irricevibile dai sindacati. Sarebbe questo l’...

Oggi sulla stampa

Oggi sulla stampa

Doveva essere una Waterloo e invece è stata una Caporetto. Dopo cinque anni di cause tra Mediaset e...

Oggi sulla stampa