Siete qui: Oggi sulla stampa
Oggi sulla stampa

Asta da 11,5 miliardi, i tassi dei BoT annuali balzano al 4,15%

Che sarebbe stata un'asta spinosa, quella dei BoT ieri, era quanto si aspettavano tutti i partecipanti in prima fila a questo maxi-collocamento da 11,5 miliardi predisposto dal Tesoro con un mix di Buoni a tre e dodici mesi: le banche specialist, gli investitori, i traders pronosticavano tassi in forte rialzo, e così è stato. Perchè le aste scattano la fotografia impietosa di quello che accade in quel preciso istante sui mercati, mettono a nudo ansie e entusiasmi. E ieri, dopo un week-end privo di novità veramente rilevanti per alleviare la crisi e una mattinata di dichiarazioni politiche europee inconcludenti, hanno prevalso immancabilmente le paure dell'imminente del default della Grecia, dell'arrivo della recessione, di un'Italia contaminata dal rischio-contagio sovrano per via di alto debito pubblico, bassa crescita, rating barcollanti, guida politica fiacca. I due BoT sono stati collocati interamente per gli ammontari prefissati, con richieste che hanno sfiorato i 19 miliardi dando prova di una domanda ancora buona tenuto conto delle circostanze. Ma i rendimenti sono saliti al di là delle previsioni. I Buoni annuali sono tornati a rendere il 4,15% dal 2,96% dell'asta di di agosto e quelli trimestrali, una rarità, sono schizzati all'1,90% mentre lo spread BTp/Bund si allargava nuovamente oltre quota 380 punti.

Il mercato si è consolato guardando innanzitutto al livello della richiesta per circa 19 miliardi concentrata sui BoT, strumenti di gestione di tesoreria ideali per banche centrali e fondi monetari, che complessivamente hanno raggiunto un rapporto di copertura (rispetto all'ammontare totale di 11,5 miliardi) di 1,64 volte. Stando a Chiara Manenti, analista di Intesa San Paolo, la partecipazione dei risparmiatori privati è stata «buona, soprattutto per il BoT a un anno». Viste separatamente, però, le due aste non hanno brillato. I Buoni annuali sono stati collocati per 7,5 miliardi contro i 7,7 in scadenza e sono stati richiesti per 11,5 miliardi circa: un rapporto di copertura di 1,53 volte contro le 1,94 volte di agosto quanto i Buoni a 12 mesi sono stati venduti per 6,5 miliardi e richiesti per 12,64. In quanto al Buono trimestrale, emesso l'ultima volta lo scorso marzo, l'effetto-rarità ha avuto un impatto benefico marginale: contro i 4 miliardi in offerta ne sono stati richiesti 7,4 con un rapporto di copertura di 1,86 volte, di gran lunga inferiore rispetto al collocamento in marzo quando per 3,5 miliardi in offerta ne sono stati domandati 8,4 con un rapporto bid-to-cover di 2,42 volte.

La buona tenuta della domanda in asta è fondamentale di questi tempi. Oltre all'impegno di azzeramento del deficit/Pil, di ritorno a livelli significativi di avanzo primario e di taglio del debito/Pil, i mercati alle prese con la crisi del debito sovrano europeo guardano in maniera maniacale alla capacità degli stati di collocare titoli, cioè prendere in prestito il denaro necessario per rimborsare i titoli in scadenza e finanziare il deficit. E sotto questo profilo, anche grazie all'intervento della Bce che rimpolpa gli acquisti sul secondario, l'Italia non ha deluso i mercati.

Sono stati i rendimenti in asta, ieri, a far emergere in tutta la sua gravità la sfiducia dei mercati nei confronti dell'andamento dell'economia, dei debiti pubblici e della capacità della classe politica europea e anche italiana di risolvere i pressanti problemi sul tavolo. I BoT annuali, a prezzi molto bassi, sono letteralmente volati sul rendimento lordo del 4,153%, (tasso di assegnazione minimo al 4,08% e massimo al 4,25%), un livello che non si vedeva dall'autunno del 2008. Ma più che i riferimenti al passato, a mettere in risalto l'alto rendimento di questi Buoni annuali è stato ieri il confronto con i nuovi Bu-bill tedeschi a sei mesi, collocati per 3,9 miliardi a un tasso stracciato allo 0,18 per cento. I BoT a tre mesi sono stati venduti all'1,90%, contro l'1,03% di marzo.

Ancora una volta oggi, guardando alla domanda e al rendimento di assegnazione, il mercato valuterà con attenzione l'esito dell'asta del nuovo BTp quinquennale che secondo Chiara Manenti va in offerta «per un importo non esagerato» tra i 3 e i 4 miliardi. Ieri lo spread tra i BTp a dieci anni e i Bund si è allargato fino ai 385 centesimi di punto percentuale: ma ad accrescere le ansie degli addetti ai lavori è stato il gap tra i BTp a due anni e gli Schatz tedeschi salito a 393 punti e superando dunque quello dei decennali, con una curva spread invertita non più tra i cinque e i dieci anni ma tra i due e i dieci anni.

Print Friendly

Condividi su

Potrebbe interessarti anche
Oggi sulla stampa

La chiusura alle 18 resta confermata. Bar, ristoranti ma anche pasticcerie, gelaterie e tutti i loca...

Oggi sulla stampa

Oggi sulla stampa

I sindaci devono essere informati in merito alle questioni all'ordine del giorno anteriormente al cd...

Oggi sulla stampa

Oggi sulla stampa

D. Ho chiesto un finanziamento in banca, ma mi stanno facendo problemi a non finire e dicono che è ...

Oggi sulla stampa