Siete qui: Oggi sulla stampa
Oggi sulla stampa

Assunzioni, salari e formazione la “rivoluzione rosa” di Draghi scuote i vertici dell’Eurotower

Riequilibrio rosa alla Bce. Mario Draghi non ci sta a passare come il capo dell’istituzione europea più maschilista di tutte. Così, dopo il no del Parlamento Ue alla nomina del lussemburghese Yves Mersch nel board, si è fatto fare una ricerca sulle donne in banca. La conclusione: a livello di impiegati, la presenza femminile è assicurata. Ma tra i quadri dirigenziali no, «non facciamo bene », riconosce lo stesso Draghi. E difatti nella struttura di vertice, quella che ha maggiormente irritato gli europarlamentari, favorevoli ad un riequilibro di genere nelle grandi istituzioni, sono tutti uomini: ben 23 consiglieri, scelti tra i governatori delle banche centrali nazionali e i membri del board. «Un club di vecchi ragazzi», come li ha definiti il parlamentare verde Philippe Lambert. O forse, un caso di «misoginia bancaria».
Ora la ricerca è pronta. In 14 pagine dattiloscritte cerca di rimediare al troppo grigio dell’Eurotower con proposte che si articolano in tre ambiti: le assunzioni, i salari, la formazione. Per meglio comprenderle bisogna tenere presente che la Bce seleziona il suo personale non attraverso concorsi ma sul mercato e segnatamente nel mondo delle banche centrali, della finanza, delle università, delle imprese. Perciò, il modello prescelto è quello in uso tra le grandi aziende private straniere che Draghi chiama «mentoring ». In pratica è una guida, una sorta di tutore, una figura professionale che dovrebbe facilitare i percorsi di carriera alle donne, senza disgiungerli dal merito: un progetto-pilota sta per partire. Seguono suggerimenti per specifiche «politiche di genere». Per esempio, va comunicato se nel posto da occupare è previsto un part-time, se la mansione è soggetta a spostamenti, quanto l’impegno è gravoso. Resta inteso che, a parità di merito, il consiglio è per assunzioni femminili. Vanno abolite le disparità di trattamento economico uomo-donna. Vanno assicurati gli asili nido per le neomamme.
Draghi, da sempre, mostra una certa attenzione per il femminile e dunque per le cosiddette pari opportunità. Anche quando era in Banca d’Italia, fu lui a nominare Anna Maria Tarantola nel Direttorio, prima e unica donna nella storia centenaria dell’Istituto. Ma l’innovazione è durata poco: ora che la signora è diventata presidente della Rai, il suo posto lo ha preso Fabio Panetta. Nel board della Bce, solo in due casi si è vista una presenza femminile: agli albori, con la finlandese Sirkka Hamalainen e, nel 2003, con l’austriaca Gerturde Tampel-Gugerell. Poi più nulla. E anche adesso gli osservatori s’aspettano che, alla fine, Mersh si trasferità a Francoforte. Ma la battaglia è comunque servita per formalizzare l’impegno davanti al Parlamento Ue ad aprire alle donne, a tutti i livelli di carriera.

Print Friendly

Condividi su

Potrebbe interessarti anche
Oggi sulla stampa

Fininvest esce da Mediobanca dopo 13 anni, e con l’aiuto di Unicredit vende il suo 2% ai blocchi: ...

Oggi sulla stampa

Oggi sulla stampa

Una nuova tassa sulle multinazionali, quelle digitali e anche quelle tradizionali. Pagamento delle i...

Oggi sulla stampa

Oggi sulla stampa

La prossima settimana il Consiglio dei ministri varerà due decreti. In uno ci saranno la governance...

Oggi sulla stampa