Siete qui: Oggi sulla stampa
Oggi sulla stampa

Assemblee in videoconferenza fino al 31 Dicembre

Proroga al 31 dicembre della possibilità per società, associazioni e fondazioni di svolgere le assemblee in videoconferenza a prescindere da eventuali previsioni statutarie. La possibilità deve ritenersi estesa alle riunioni anche degli altri organi sociali come i consigli di amministrazione ed i collegi sindacali.

È quanto previsto dal decreto legge 23 luglio 2021, n. 105, recante “Misure urgenti per fronteggiare l’emergenza epidemiologica da COVID-19 e per l’esercizio in sicurezza di attività sociali ed economiche” pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale n. 175 del 23 luglio 2021.

Il decreto è in vigore dal giorno di pubblicazione in GU, quindi dal 23 Luglio.

Le previsioni dell’art. 6 del decreto 105

L’art. 6 del decreto 105 prevede la proroga dei termini in relazione al reiterato stato di emergenza epidemiologica da COVID-19, prevedendo che «I termini previsti dalle disposizioni legislative di cui all’allegato A sono prorogati fino al 31 dicembre 2021, e le relative disposizioni vengono attuate nei limiti delle risorse disponibili autorizzate a legislazione vigente». Ovviamente nel caso di specie non vi sarà alcun dispendio di risorse e quindi la proroga non è subordinata al superamento di nessun limite di spesa.about:blank

A questo punto analizzando l’allegato A, relativo alle disposizioni prorogate si riscontra che fra esse rientrano, rispettivamente al n. 2 ed al n. 7 gli artt. 106, comma 7 e 73 del dl 17 marzo 2020 n. 18, disposizioni originariamente previste per le assemblee in videoconferenza relative al 2020 per società ed enti e più volte prorogate. L’ultima proroga quella di cui alla legge 26 febbraio 2021, n. 21, di conversione del d.l. 31 dicembre 2020, n. 183 (si veda italia oggi 7 dell’8 Marzo) avevano disposto la possibilità tenere assemblee telematiche fino al 31 luglio 2021, termine che come si è detto è ora prorogato al 31 dicembre.

A chi è rivolta la proroga

Le nuove norme, opportunamente, prevedono ora che tutte le disposizioni dell’ex art. 106, del dl 18/2020 si applichino alle assemblee tenute entro il 31 dicembre 2021. Assemblee tenute significa, evidentemente, che entro detta data le assise devono essere concretamente svolte, e non solo convocate.

Tutte le società di capitali quindi ma anche gli enti ed i consorzi , anche in deroga alle diverse disposizioni statutarie, con l’avviso di convocazione delle assemblee ordinarie o straordinarie possono prevedere che:

– l’assemblea si svolga, anche esclusivamente, mediante mezzi di telecomunicazione (assemblea virtuale);

– il voto venga espresso in via elettronica o per corrispondenza;

– l’intervento all’assemblea avvenga anche mediante mezzi di telecomunicazione (assemblea in presenza con alcuni soggetti partecipanti attraverso mezzi di telecomunicazione).

Le videoconferenze integrali (che indubbiamente rappresenteranno la modalità più utilizzata nella prassi per le riunioni non in presenza) devono garantire l’identificazione dei partecipanti, la loro partecipazione e l’esercizio del diritto di voto, ai sensi e per gli effetti di cui agli artt. 2370 c.c., quarto comma (spa), 2479-bis c.c., quarto comma (srl) e 2358 c.c., sesto comma (coop). Ciò senza, in ogni caso, la necessità che si trovino nel medesimo luogo, il presidente, il segretario o il notaio.

Riunioni virtuali estese anche a cda e collegi sindacali

Seppure le disposizioni in deroga sono espressamente previste per le assemblee societarie, non appare dubbio che il principio, fino al 31 Dicembre, possa essere utilizzato anche per tutte le riunioni degli amministratori (sia nei cda che nei comitati esecutivi), sia dai collegi sindacali. In tal senso anche Assonime che, nelle proprie comunicazioni agli associati del marzo 2020, ebbe ad affermare la possibilità di utilizzare per le assemblee le audio-video-conferenze.

Print Friendly, PDF & Email

Condividi su

Potrebbe interessarti anche
Oggi sulla stampa

«C’è da sfamare il mondo, cercando allo stesso tempo di non distruggerlo». A margine dell’Op...

Oggi sulla stampa

Oggi sulla stampa

Bollette, il governo conferma l’intervento straordinario da 3 miliardi per limitare l’aumento r...

Oggi sulla stampa

Oggi sulla stampa

Non arriva come un fulmine a ciel sereno: da mesi in Parlamento si parla di entrare in aula con il ...

Oggi sulla stampa