Siete qui: Oggi sulla stampa
Oggi sulla stampa

Assegno unico per i figli

Addio all’assegno per il nucleo familiare. Entro un anno, infatti, l’Anf (e altre provvidenze ora vigenti, tra cui il premio alla nascita, l’assegno di natalità ecc.) andrà in soffitta per fare spazio all’«assegno unico e universale». Lo prevede la legge n. 46/2021, pubblicata in G.U. n. 82/2021, in vigore dal prossimo 21 aprile.

La legge è una delega al governo a «riordinare, semplificare e potenziare» le misure a sostegno dei figli, attraverso l’introduzione di un «assegno unico e universale», anche in via progressiva, ossia un beneficio economico spettante ai nuclei familiari, il cui ammontare verrà modulato in base alla condizione economica del nucleo familiare (misura attraverso l’Isee). La riforma, che è prevista al fine specifico di «favorire la natalità, di sostenere la genitorialità e di promuovere l’occupazione, in particolare femminile», andrà approvata entro un anno (20 aprile 2022). Il nuovo assegno spetterà per i figli fino a 21 anni d’età i quali, una volta maggiorenni, avranno anche la possibilità d’intascarlo personalmente «al fine di favorirne l’autonomia». Sarà in tutto e per tutto compatibile con il reddito di cittadinanza e non sarà considerato quale «entrata» per varie prestazioni sociali agevolate (tra cui quelle per i disabili). L’erogazione avverrà sotto forma di somma in denaro o anche come credito d’imposta. Gli importi saranno maggiorati per i figli successivi al secondo (dal terzo in poi); a favore delle madri d’età inferiore a 21 anni; per i figli disabili (in tal caso la maggiorazione sarà di almeno il 30 e non superiore al 50% degli importi base). Per i figli disabili, inoltre, sarà previsto il mantenimento del diritto all’assegno, ma senza maggiorazioni, anche dopo il compimento dei 21 anni d’età, finché risultano a carico. L’assegno unico comporterà, infine, la soppressione o il graduale superamento di una serie di misure attualmente vigenti: l’assegno ai nuclei familiari con almeno tre figli minori; l’assegno di natalità; il premio alla nascita; le detrazioni fiscali per i figli a carico; l’assegno per il nucleo familiare.

Print Friendly

Condividi su

Potrebbe interessarti anche
Oggi sulla stampa

Maximo Ibarra ha rassegnato le sue dimissioni da Sky Italia per diventare amministratore delegato e ...

Oggi sulla stampa

Oggi sulla stampa

Non cede all’ottimismo il ministro dell’Economia Daniele Franco che punta l’indice sui due pun...

Oggi sulla stampa

Oggi sulla stampa

In punta di diritto: la contrarietà a un giudicato nazionale, nel contesto del giudizio di ottemper...

Oggi sulla stampa