Siete qui: Oggi sulla stampa
Oggi sulla stampa

Arrivano le offerte per 1 miliardo di Npl ex-Banca Marche

Sono previste lunedì le offerte vincolanti per il Progetto «Rossini» lanciato dalla Rev, la bad bank dove sono confluiti i 10,3 miliardi di crediti difficili di Banca Etruria, Carichieti, Cariferrara e Banca Marche.
Il processo, gestito da Kpmg, prevede la cessione di circa un miliardo di Npl. Alla fase finale di gara, secondo i rumors, sarebbero stati ammessi tre soggetti. Tra i nomi in lizza per presentare l’offerta alla scadenza di lunedì ci sarebbero i fondi statunitensi Bain, Fortress e Cerberus .
Il nome del dossier, Project Rossini (ispirato al famoso compositore marchigiano) lanciato dalla Rev, ha un suo chiaro significato: il 65% delle sofferenze fa infatti capo alla vecchia Banca Marche. Il resto a Etruria, Carichieti e Cariferrara. Il pacchetto da un miliardo, inoltre, è per il 40% con un sottostante di tipo immobiliare residenziale.
Il resto del pacchetto di Npl fa invece capo a Etruria, Carichieti e Cariferrara. Da rilevare, infine, che l’80% delle proprietà è situata nel Centro Italia, in particolare in Marche, Abruzzo, Lazio ed Emilia Romagna. Nel portafoglio ci sono proprietà residenziali, industriali e commerciali.
C’è da dire che la Rev starebbe lavorando anche a un altro progetto. Secondo le indiscrezioni, sarebbe in cantiere il lancio una una tranche attorno a 1,5-2,5 miliardi di euro di cartolarizzazione per la quale saranno utilizzate le Gacs, cioè le garanzie statali. Proprio in vista di questo processo potrebbe essere scelto un «servicer».
Continua così a pieno ritmo il lavoro della società guidata da Salvatore Immordino che, a settembre, aveva già chiuso una prima operazione di vendita diretta su un portafoglio non garantito, cioè «unsecured». Un portafoglio di sofferenze per 300 milioni di euro è infatti stato venduto al fondo statunitense Seer Capital Management.L’operazione era avvenuta tramite la Locam spa, servicer romano di non performing loan, controllato a sua volta da Seer Capital dal 2013. In quel pacchetto oggetto di cessione erano crediti di piccola taglia a differenza del portafoglio Rossini, che prevede la vendita di crediti con sottostante immobiliare.
Nei mesi passati Rev ha incassato anche circa 180 milioni di euro tramite la gestione ordinaria e tramite la vendita di immobili a garanzia di alcuni prestiti di leasing.

Carlo Festa

Print Friendly

Condividi su

Potrebbe interessarti anche
Oggi sulla stampa

Vasto entusiasmo ha suscitato la recente pronunzia della Corte di Giustia Ue, con la conferma del gi...

Oggi sulla stampa

Oggi sulla stampa

Ha scelto la giornata delle donne Mario Draghi per il suo secondo discorso pubblico da presidente de...

Oggi sulla stampa

Oggi sulla stampa

Le obbligazioni assunte nell’esercizio dell’attività d’impresa o professionale, per «nozione...

Oggi sulla stampa