Siete qui: Oggi sulla stampa
Oggi sulla stampa

Arriva la sfida di Enel a Telecom “Rete in fibra ottica in 224 città”

Fibra ottica in 7,5 milioni di case e 224 città per un investimento totale di circa 2,5 miliardi di euro. Enel ha scoperto definitivamente le carte della suo piano “Open Fiber” la rete totalmente in fibra che inizierà a posare da maggio sfruttando il programma di sostituzione dei contatori dell’elettricità. Mancano ancora dei tasselli finanziari, come i fondi che affiancheranno Enel rilevando anche una parte del capitale della società Enel Open Fiber guidata dall’ad Tommaso Pompei.
Si partirà dalle aree più “ricche”, chiamate zone A e B, in inevitabile concorrenza con Telecom con cui Starace ha avviato già ieri un primo confronto a distanza. L’ad di Enel si è lasciato sfuggire che l’intenzione dell’ex monopolista telefonico di cablare mille città «è più un annuncio che un piano dettagliato». La risposta di Tim è arrivata immediata: «Le mille città sono effettivamente quelle già cablate in fibra ottica» facendo riferimento a quanto certificato dall’Agcom. Da parte di Starace rimane la convinzione che il nuovo affare tlc potrebbe dare ritorni sugli investimenti anche a due cifre, per un Ebitda di Enel Open Fiber che nell’arco di 3-4 anni dovrebbe raggiungere i 250 milioni di euro. La società si occuperà di posare la fibra, della manutenzione della rete e della vendita di servizi “all’ingrosso” agli operatori Tlc. Come dimostra il caso di Wind e Vodafone, con le quali Enel Open Fiber ha firmato una lettera d’intenti per un accordo che sarà solo di carattere strategico e commerciale. Starace ha ribadito che non ci fosse stata l’opportunità di agganciarsi alla sostituzione dei contatori digitali l’operazione sarebbe costata «oltre 3 miliardi» e il gruppo non si sarebbe imbarcato nell’impresa. Valutazione confermata dal fatto che Enel non cablerà le città in cui non è presente nella distribuzione, come Roma, e non si sovrapporrà nelle altre 9 città in cui Metroweb ha aperto i propri cantieri. Altro elemento da considerare è che nel medio periodo Enel potrebbe scendere sotto il 50% della società Open Fiber. Per le aree C e D, quelle definite invece “a fallimento di mercato”, l’Enel parteciperà alle gare indette da Infratel (società del ministero dello Sviluppo econonomico) sfruttando anche lì i risparmi provenienti dal cambio dei contatori.

Luca Iezzi

Print Friendly, PDF & Email

Condividi su

Potrebbe interessarti anche
Oggi sulla stampa

Tocca ad Alfredo Altavilla, manager di lungo corso ed ex braccio destro di Sergio Marchionne in Fca...

Oggi sulla stampa

Oggi sulla stampa

I mercati incassano senza troppi scossoni la decisione della Fed di anticipare la stretta monetaria...

Oggi sulla stampa

Oggi sulla stampa

È sempre più probabile che non ci sarà alcun nuovo blocco - anche parziale - dei licenziamenti n...

Oggi sulla stampa