Siete qui: Oggi sulla stampa
Oggi sulla stampa

Arriva il tutor per le start up

Consulenza speciale delle camere di commercio per l’avvio di nuove start up di imprese sociali. Tutor e consulenti della camera di commercio competente accompagnano i neoimprenditori passo dopo passo aiutandoli a sviluppare il loro progetto, definire il business plan, accedere al credito e avviare l’impresa. Il progetto definito «start up imprenditoria sociale» è alla ricerca di aspiranti imprenditori nel settore delle imprese sociali.

L’iniziativa è promossa da Unioncamere in collaborazione con Universitas Mercatorum (università telematica delle camere di commercio) e vede coinvolto un gran numero di territori relativi ad altrettante Camere di commercio in tutta l’Italia, con l’obiettivo di avviare nuove imprese sociali nei primissimi mesi del 2014. Dal 10 luglio al 30 settembre si procede con la raccolta e la selezione di idee e di progetti, cui seguirà, fino al 31 dicembre 2013, un periodo di affiancamento agli aspiranti imprenditori.

Territorio di riferimento della Cciaa. A beneficiarne di questa nuova iniziativa sono gli aspiranti imprenditori che intendono avviare una nuova impresa sociale, con sede nel territorio di riferimento di una delle camere di commercio aderenti all’iniziativa: Asti, Avellino, Brindisi, Campobasso, Catanzaro, Chieti, Cremona, Crotone, Cuneo, Firenze, Frosinone, Genova, Imperia, l’Aquila, Lecce, Matera, Messina, Milano, Modena, Nuoro, Padova, Pavia, Perugia, Pordenone, Potenza, Ragusa, Reggio Calabria, Reggio Emilia, Roma, Rovigo, Siracusa, Taranto, Reggio Calabria, Reggio Emilia, Roma, Rovigo, Siracusa, Taranto, Torino, Udine, Varese, Venezia, Verona e Vibo Valentia.

Destinatari. I servizi sono rivolti a gruppi di aspiranti imprenditori che intendono avviare una nuova impresa sociale nel territorio provinciale di riferimento di una delle Camere aderenti all’iniziativa, nei settori di intervento «a utilità sociale» previsti dal dlgs 155/06 e dalla legge 381/91:l’assistenza sociale, l’assistenza sanitaria, l’assistenza socio sanitaria, l’educazione, istruzione e formazione, tutela ambientale, tutela beni culturali, turismo sociale, formazione post universitaria, ricerca ed erogazione servizi culturali e formazione extrascolastica.

Possono, inoltre, essere presentate idee ricadenti anche in altri settori d’attività a condizione che le iniziative imprenditoriali siano finalizzate all’inserimento lavorativo delle persone definite «svantaggiate».

Possono essere interessate anche associazioni e società già costituite, purché abbiano intenzione di trasformarsi in impresa sociale. Sono escluse le cooperative sociali e altre tipologie di impresa sociale già costituite.

Oggetto dell’iniziativa. I servizi vengono erogati presso le Camere aderenti al progetto ad opera di tutor specializzati che assistono i proponenti nello svolgimento delle seguenti attività:

– sviluppo del progetto di impresa ed elaborazione del business plan;

– raccordo con il sistema del credito e del micro-credito;

– costituzione della società.

L’erogazione dei servizi si concluderà, salvo proroga, entro il 31/12/2013.

Print Friendly, PDF & Email

Condividi su

Potrebbe interessarti anche
Oggi sulla stampa

Ancora un semestre di transizione per il gruppo Enel. La società leader del settore energia - nonc...

Oggi sulla stampa

Oggi sulla stampa

Dopo un anno di trattative Unicredit, con accelerazione da pochi attesa, irrompe verso l’acquisiz...

Oggi sulla stampa

Oggi sulla stampa

A un certo punto della trattativa a un ministro dei 5 Stelle scappa detto che «qui crolla tutto»....

Oggi sulla stampa